Il poster di Woodstock,
Arnold Skolnick

Nell'estate del 1969, nei giorni dal 15 al 17 agosto, si svolse un evento destinato a cambiare inesorabilmente la storia della musica rock e non solo.

Nell’estate del 1969, nei giorni dal 15 al 17 agosto, si svolse un evento destinato a cambiare inesorabilmente la storia della musica rock e non solo: Woodstock, Three Days of Peace and Music. Il manifesto del concerto prometteva “hundreds of acres to roam on”, (centinaia di acri per girovagare).

L’artista Arnold Skolnick disegnò, in un primo momento, quello che poi divenne il famoso manifesto con la colomba poggiata sulla chitarra, con un catbird poggiato su un flauto. “Mi trovavo a Shelter Island e disegnavo catbird per tutto il tempo” racconta “è rimasto seduto su di un flauto per un giorno, poi dopo aver ricevuto dagli organizzatori lo slogan del concerto, mi sono deciso a metterlo su una chitarra”.

A causa dello spostamento del concerto da Walkill a Bethel, gli organizzatori ebbero davvero pochissimo tempo perché il poster fosse disegnato, stampato e distribuito. Mancavano soltanto 4 giorni al concerto quando i manifesti furono spediti. 75 furono appesi ai pali del telefono, altri venduti come souvenirs ad 1$.

81ryzsl8ssL._SL1500_
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
La storia del logo Chupa Chups (1969)