Brr, Beata Faron

L’autrice di questo “vestito” per tazze e teiera è la polacca Beata Faron.

Chiunque sarà d’accordo sul fatto che nei freddi pomeriggi invernali non c’è niente di più gradevole che “abbracciare” una tazza di tè con entrambe le mani; non sarà di certo un piacere però se la bevanda nella tazza è troppo calda. Gli “astucci” realizzati ad uncinetto per ricoprire le stoviglie non solo scaldano le mani congelate e impediscono alla bevanda di raffreddarsi rapidamente, ma servono anche a proteggere le mani dal calore eccessivo.

Sono di lana naturale di un piacevole color caffè-cioccolato e all’interno hanno un doppio strato di silicone per evitare che scivolino insieme ad una tazza o a una teiera. L’unica limitazione è che l’astuccio di lana è adatto solo per tazze senza manici. Anche se, forse molto presto Beata Faron produrrà un’altra serie di “Brr” per tazze di quasto genere.

Naturalmente, chiunque abbia una passione per il lavoro a maglia sarà in grado di realizzare per se stesso, magari anche meglio, la stessa serie di astucci di lana. A quelli che invece non hanno questo talento piacerà sicuramente il lavoro di Beata Faron e potranno scaldarsi non solo le mani e le tazze, ma anche il cuore.

2a144d97e974044e630d0ae5cdb798a4 5b8be1cd878d0123f2bc7f95f1ade8c9 8c568340c132816e8bf12d593b04955b 3020e6cff92131963df12dadfa6d5bc1 c2092ffa1422b6dbc8b68bcba1c599cf ca45c0779a2e7b682f74be434fa0e1d8

 

Ulteriori informazioni nonché i termini per l’acquisto sono nella pagina personale di Beata Faron.

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Effetto Casimir