On the road. Bob Noorda, il grafico del viaggio

Bob Noorda con il suo lavoro ha definito l’immagine visiva di alcuni dei più importanti marchi italiani (dall’Eni alla Regione Lombardia, ma anche Coop, Feltrinelli, Mondadori e tanti altri). Tra i marchi industriali e istituzionali che Noorda ha inventato o ridisegnato, vi è quello del Touring Club Italiano.

La mostra “On the road. Bob Noorda, il grafico del viaggio” organizzata da Aiap in collaborazione con il TCI, intende rendere omaggio a Noorda attraverso la rilettura e l’esposizione del grande lavoro che egli ha svolto con il TCI.

Il progetto di esposizione è articolato in due mostre parallele che saranno allestite nelle sedi milanesi della Galleria Aiap e in quella prestigiosa del Touring Club di Corso Italia.

Noorda fu chiamato al Touring sul finire degli anni Settanta dal presidente Franco Brambilla come vincitore di un concorso indetto dall’Associazione e aperto ai migliori grafici e designer: occorreva svecchiare l’immagine del sodalizio e si doveva partire dal marchio. L’idea di Noorda fu quella di salvaguardare il distintivo storico adeguandolo ai tempi: restava la ruota di bicicletta (non dimentichiamo che il Touring nacque nel 1894 come Touring Club Ciclistico Italiano), ma completamente ridisegnata. Noorda poi propose l’inversione delle lettere: si passò infatti da CTi al più logico e razionale TCI. Ma la collaborazione di Bob Noorda con il TCI non si fermò al nuovo marchio: l’intera linea editoriale e grafica fu ripensata sia nelle copertine di guide e libri illustrati, sia all’interno di molti volumi e durò praticamente un ventennio.

Noorda era di casa al TCI, dove si fermava, nella sede di via Adamello a Milano anche per intere giornate. Sono caratterizzate dalla grafica di Noorda infatti le Guide Rosse a partire dagli anni Ottanta, così come le guide Verdi d’Europa e del Mondo, la collana “Attraverso l’Italia”, carte e atlanti (il celebre Atlante 1:200.000 con la nuova copertina verde), ma anche molti volumi inseriti in quello che si chiamava un tempo il Paccosoci (l’attuale Kit Touring) come i volumi “Città da scoprire”, “Città d’Europa” e “Regioni e mete d’Europa”.

Un lavoro quello di Noorda che non ha dato solo un carattere all’identità di una organizzazione, quale è il Touring, ma l’ha resa riconoscibile a milioni di italiani tanto da entrare nell’immaginario di più generazioni.

On the road.
Bob Noorda, il grafico del viaggio

Galleria Aiap
via Amilcare Ponchielli 3 Milano
dal 3 marzo al 29 aprile 2011
dal lunedì al giovedì, dalle 14.00 alle 18.00
inaugurazione 2 marzo, ore 18.00

Touring Club Italiano
c.so Italia 10 Milano
dal 2 al 19 marzo 2011
dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 17.00
inaugurazione 1 marzo, ore 18.00

L’ingresso alle mostre è gratuito
Catalogo Edizioni Aiap

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
BIG BANG BIG BOOM, Blu su Designplayground
BIG BANG BIG BOOM, Blu