Gli occhi indiscreti di Google Street View, Jon Rafman

Google Street Views 9- eyes è un progetto dell’artista canadese Jon Rafman che ha selezionato le immagini più “stravaganti” catturate, in maniera fortuita,dall’occhio di Google Street View in tutto il pianeta.

Prende forma così uno spaccato antropologico e satirico del vivere la strada. Si dimentica che le immagini che si stanno vedendo rappresentano momenti intimi delle persone fotografate, resi pubblici, nel mondo, per chiunque disponga di un accesso a internet.

Per molti versi, questo progetto trova affinità tematiche con il teatro dell’assurdo. La struttura tradizionale (trama di eventi, concatenazione, scioglimento) viene rigettata e sostituita da un’alogica successione di eventi, legati fra loro da una labile ed effimera traccia (uno stato d’animo o un’emozione), apparentemente senza alcun significato (Wiki).

tumblr_l2hxgp5raD1qzun8o tumblr_l2hxwy2U631qzun8o tumblr_l2hy4noyIh1qzun8o tumblr_l2hxc08BFi1qzun8o tumblr_l2hxkva6XC1qzun8o tumblr_l2hxtwFPqx1qzun8otumblr_l2hy8hL0xO1qzun8o tumblr_l2j5bs1fk81qzun8o tumblr_l2ixd4rgJk1qzun8o tumblr_l2i0641DqK1qzun8o tumblr_l2hzwh7vRa1qzun8o tumblr_l2hyxiiKCQ1qzun8o tumblr_l2hyqlrA0B1qzun8o tumblr_l2hyf4NKjU1qzun8o tumblr_l2j5muUe0O1qzun8o tumblr_l2j5y5faiQ1qzun8o tumblr_l2j6tloodw1qzun8o tumblr_l6mbjvnVtU1qzun8o tumblr_l74jq8p2vH1qzun8o tumblr_l806fzqL3X1qzun8o

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
L’invasione degli Ultracorti!, Open Call di Wired