Jazz in free times,
Robert Proch

Robert Proch, — venticinque anni, polacco — crea attraverso il suo lavoro un doppio immaginario, statico e al tempo stesso dinamico, sospeso tra la fugacità dell’attimo di stasi e l’eternità del divenire trasformandosi. Sta alla volontà di chi osserva il compito di decidere se rimanere nella presunta quiete o premere il pulsante “Play” per immergersi nelle sue storie.


per ulteriori informazioni

www.openlabgallery.it
www.intoxicated-demons.com