So.. I was at a party last night,
Sabrina Mahfouz, Andrea Cuius, Roland Ellis

Una lettura di poesie dal vivo di solito è un’esperienza intima, ma questo non significa che non possa essere enfatizzata con uno spettacolo high-tech. Questo è quello che Andrea Cuius e il designer Roland Ellis hanno pensato per la performance live della poetessa Sabrina Mahfouz intitolata “So.. I was at a party last night” (“Quindi… ero ad una festa iera sera”). Mentre Sabrina siede su una sedia posizionata sul palco, trenta lampadine vintage sembrano galleggiare delicatamente sopra la sua testa, pulsanti, tremolanti, seguono il ritmo delle sue parole.

Ellis ha selezionato lampadine al tungsteno vintage, perché i filamenti delicati al loro interno si prestano bene per attenuare l’oscuramento. “Abbiamo usato lampade di varie forme appese fin sopra la sedia, che non solo ci hanno permesso di giocare con la profondità delle luminarie, ma hanno anche evitato di distrarre Sabrina”, Ellis dice “Durante lo spettacolo non poteva vedere la luce direttamente, solo sensazione di calore, ma erano in realtà molto vicino a lei.”

Cuius, nel frattempo, ha progettato un hardware / software da zero, che avrebbe utilizzato la voce Sabrina per controllare l’illuminazione in tempo reale. Un microfono direzionale invia le informazioni audio a un computer portatile con software personalizzato basato su Cinder (open-source collezione di librerie C + + espressamente progettato per progetti creativi), che controlla le lampade tramite una scheda dimmer elettronico. “Cinder fornisce tutte le funzionalità di cui ho bisogno per lavorare in un ambiente 3-D e comunicare con qualsiasi hardware”, spiega Cuius. “La maggior parte degli effetti che abbiamo usato per lo spettacolo sono infatti basati su grafica 3-D. Con una replica esatta del palco reale, il software risponde all’audio generando oggetti in movimento in un modello 3-D. Le lampade sono quindi attivate ​​da questi oggetti digitali, e la luminosità di ogni lampada dipende dalla distanza tra l’oggetto e il modello di lampada nell’ambiente 3-D “.

Tutto questo permette a Sabrina di creare una serie impressionante di effetti di luce perfettamente in sincrono con la sua interpretazione – da fogli a cascata di luce bianca a starlight di colore arancione e giallo. E per Ellis e Cuius, la collaborazione si adatta come un guanto. “Proprio come un art director lavora con un copywriter, designer e programmatore creativo formano una squadra per esplorare il digital design”, dice.

fonte: fastcodesign

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Quanto sono felici i designer?