Studio Eins, Studio Zwei,
Matthias Heiderich

Matthias Heiderich ci racconta ancora Berlino in questo mix della serie Studio Eins, Studio Zwei.

1d15fafff1c46fbc0f63eada2337177b
1d8793a4bed5befce56e42f7ba94b85b
1ec149a1168a71beb6428d1c26f80377
5d92dd72f86206cec2d4c85ce1352974
6bf18898275335149db1a40440b32cd2
8e4e322dddd8166a3ce05cbca31e53aa
9ae6f003a7f79efa9c6143e0e2a1e880
47b88eaf9edb310d1b8a414437fd3dc5
51ecdf99bc0972634158e3da4c369372
701c734e0d86c864a822eaf08bb3b147
886b73f598f76f47296b1545fedf8756
981bddb73357096b02d7e097543befa5
5237a517fa6229112f1ebd4b3796e2a7
6671d172ac10e7c346f0ddb88253efe2
9152dcd05f23deb395c42c40c6bc6d41
25579c2858b44dbea266bf5b4b909947
33309f18084b0cd8046649b540536b83
880694001efc3fadb7b9cff8de5bf823
9169957129df7637eace1a169e3676dc
a71828f9daed6e2eaf0dbdcb3e62f4e4
b2fe052909a7da202fc3911f28fda71d
b09de9e67e2ea7efbbde534f315cf739
bc95d52509575b23e9a034dfe1f97141
bd2083cbebb4ad92993e2663c9c85200
c3c8392ecf8bbfc450945da5d1fec288
c68cdaab53402d2921f4dc62e72238d0
cd7af2c940935cdda2a60da778300f55
d29d5acb0d8c2400816ff34defb98b9d
d201487c871a0f8209f7d861fdd36e0a
da3c66e5a0d9b18ac3d15344db5e6653
e08ec938d79cbeaf3a079f8a9adf5abd
e934f2bf9330dd8819de8958db81aa7c
f3bdcd17eb8d2ff94815a651b4397519
00acd62a1886ccb12459adf7ea10e350

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Font generator Prototyp-0 Yannick Mathey