Tipografia anamorfica, Joseph Egan

“Il nostro lavoro incoraggia lo spettatore a camminare dentro e intorno la tipografia, un’esperienza coinvolgente visto che il contatto con i caratteri avviene normalmente su una superficie bidimensionale sia esso cartaceo che informatico. Essere in grado di apprezzare fisicamente il lettering dipinto sulle pareti degli edifici che vengono vissuti dagli spettatori ogni giorno, richiama l’attenzione sulla bellezza della tipografia e al tempo stesso evidenzia le forme architettoniche in cui ci si muove.”

b665c12a423a904806c3b4766b9ada86
4f9a4c44f0feb95e1e032b07c925b6ab
6bc0fa43e130be6e554b6fba7cec5857
c99a87c4228d7a4824b373a013e1b668
c9713bf9870c58aed448c89ff5eb4745
0d851659440dd645c4c270aac30a0518

abbiamo parlato della tipografia anamorfica anche in questo post

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Inchiostro Festival 2014, “Antipodi”