Tipografia anamorfica, Joseph Egan

“Il nostro lavoro incoraggia lo spettatore a camminare dentro e intorno la tipografia, un’esperienza coinvolgente visto che il contatto con i caratteri avviene normalmente su una superficie bidimensionale sia esso cartaceo che informatico. Essere in grado di apprezzare fisicamente il lettering dipinto sulle pareti degli edifici che vengono vissuti dagli spettatori ogni giorno, richiama l’attenzione sulla bellezza della tipografia e al tempo stesso evidenzia le forme architettoniche in cui ci si muove.”

b665c12a423a904806c3b4766b9ada86 4f9a4c44f0feb95e1e032b07c925b6ab 6bc0fa43e130be6e554b6fba7cec5857 c99a87c4228d7a4824b373a013e1b668 c9713bf9870c58aed448c89ff5eb4745 0d851659440dd645c4c270aac30a0518

abbiamo parlato della tipografia anamorfica anche in questo post