The 360 Project, Ryan Enn Hughes

360project_designplayground

“The 360 Project” è un progetto di Ryan Enn Hughes che esplora la terra di mezzo tra la fotografia e le immagini in movimento. Uno studio sui movimenti essenziali della danza, catturati da 48 macchine fotografiche (Nikon d700) disposte sul perimetro di un cerchio.

I movimenti dei ballerini catturati dalle macchine vengono così congelati generando immagini che simulano la plasticità tipica delle statue e al tempo stesso catturano l’essenza della danza a 360° gradi.

360project_designplayground

“The 360 Project” è fatto di due parti – “Ballet 360” nel quale sono protagoniste le ballerine della Canada’s National Ballet School e “Krump 360” in cui figurano i ballerini di Northbuck Krump (krumping – ballare come un clown – è uno stile di danza hiphop in rapida ascesa. Di origine nella comunità afro-americana di South Central Los Angeles, California è il nuovo modulo di danza “urbana” del movimento nero, libera, espressiva e altamente energetica).

CREW
Director / Producer / Concept – Ryan Enn Hughes ryanennhughes.com
Cinematography / On Site Digital – The Big Freeze
1st AD – Darrell Faria
Gaffer – Arash Moallemi
Grip – Cavin Campbell
Makeup – Lauren Fisher
Stylist – Alexis Honce
BTS Video – Barry Cheong
BTS Photo – Melissa Tait
Production Assistants – James Kachan, Eugen Sakhnenko, Pawel Dwulit, Anne-Marie Jackson,
Craig Jewel, Nick Konieczko
Editor – Kyle Wilson
Music/Sound Design – Zelig Sound zeligsound.com
Colorist – Ryan Enn Hughes
Digital Postproduction – Ryan Enn Hughes, James Kachan
Additional Postproduction Support – Scott McIntyre

DANCE TALENT
BJ Albano
Sheldon Forde
Arsène Hodali
Amadeus Marquez
Jamari Ceasar Whittaker

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
‘Street Eraser’, Guus Ter Beek and Tayfun Sarier