The New Yorker 12/9/2011, Ana Juan

The New Yorker 12/9/2011 Ana Juan su designplayground.it

Con il suo potere di evocare ciò che non è più presente fisicamente – ora come allora reso emotivamente visibile – risuona come il gemello ideale della cover realizzata nel 2001…
L’artista spagnola Ana Juan ha ereditato questa sfida così impegnativa: creare una nuova copertina della rivista The New Yorker per celebrare il decimo anniversario degli attacchi terroristici dell’11 settembre. Accettare l’incarico significava lavorare all’ombra della cover del 2001 realizzata dalla coppia di artisti Art Spiegelman e Françoise Mouly che emozionò in modo memorabile nei giorni bui della disperazione del settembre 2001.

The New Yorker 12/9/2011 Ana Juan su designplayground.it

Mouly stessa, direttore artistico di The New Yorker,  è convinta che Ana Juan abbia vinto questa sfida, scrivendo sul blog della rivista: “Nella sua bellezza tranquilla, l’immagine di Juan evoca sia le reflecting pools in procinto di essere aperte a Ground Zero Memorial e il “nero su nero” della cover che The New Yorker pubblicò all’indomani del 9 / 11 “.
Juan dice che anche se la sua idea “era quasi chiara fin dall’inizio”, è stata sostenuta dall’incoraggiamento di Mouly, di grande aiuto nello sviluppare l’idea. In questo modo, l’eco con la copertina del 2001 è ancora più forte.

“Le torri di Spiegelman “nero su nero” rispondono esattamente alla sensazione subito dopo l’attacco terroristico. Le Torri ed i loro occupanti che scompaiono nel buio, proprio davanti agli occhi di tutto il mondo, senza speranza.
La copertina del 2011 ricorda invece che tutte le persone che erano lì, sono ancora nei nostri cuori.

Ana Juan contribuisce alle cover di The New Yorker dal 1995.
Nata a Valencia, in Spagna, nel 1961, Juan ha studiato Belle Arti e successivamente si è trasferita a Madrid, dove ha iniziato a pubblicare le sue illustrazioni su riviste e giornali.

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Gli occhi indiscreti di Google Street View, Jon Rafman