Vanity Fair 1953, Mark Shaw

Mark Shaw (25 giugno 1921 – 26 gennaio 1969) è stato un fotografo di moda e celebrità negli anni 1950 e 1960. Ha lavorato per la rivista Life dal 1952 e durante quel periodo per ben ventisette volte una sua fotografia è stata pubblicata in copertina.
È conosciuto per le sue foto di John F. Kennedy, la moglie Jacqueline Kennedy e i  loro figli. Nel 1964, molte di queste immagini sono state pubblicate nel libro “John F. Kennedy: un album di famiglia” divenuto un bestseller.

Le immagini in questo post sono scatti inediti che fanno parte di una serie realizzata da Shaw all’inizio della sua carriera per la rivista Vanity Fair.

2dhh83m-731224
2cs8juo-729857

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
oakoak, la street art per una città meno grigia