Tokio on Foot, Florent Chavouet

Florent Chavouet è un giovane artista francese che ha trascorso sei mesi ad esplorare i diversi quartieri di Tokyo “armato” di una bicicletta da donna, una sedia pieghevole, un sacchetto di matite colorate e un taccuino.

Tokio on Foot è il suo libro di debutto e illustra la splendida città che Florent ha avuto modo di conoscere; un luogo vivace, pieno di gente cordiale che svolge le proprie attività quotidiane. L’autore annuncia nella sua introduzione che questo libro è “né una guida né un avventura”, ma un libro che racconta di “un viaggio a Tokyo” di luoghi, persone ed aneddoti reali (spiega anche che tutti i quartieri non sono rappresentati nel volume).

Con arguzia, un giocoso umorismo e le sue matite colorate, Florent Chavouet mette da parte la questione della bellezza o bruttezza urbana e cattura l’essenza giapponese della grande città.

Potete acquistarlo qui

le foto sono di Charice Kt

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Kae e l’identità grafica del festival “Beato Bigote”