Distortions, André Kertész

Nato a Budapest nel 1894 André Kertész (New York, 1985) è stato uno dei più prolifici fotografi autodidatti del Novecento divenuto un grande maestro del fotogiornalismo e fonte di ispirazione per Henri Cartier-Bresson e Brassaï.

L’interesse di Kertész per le distorsioni nasce nel 1917 osservando la figura di un nuotatore immerso in acqua che il fotografo rende immortale con la sua macchina fotografica (Nuotatore sott’acqua) e si concretizza quando, nel 1933, la rivista Le sourire gli offre cinque pagine da riempire in piena libertà.

André KertészNuotatore sott’acqua, Ungheria 1917

Riprendendo il tema del nuotatore, Kertész affitta uno specchio deformante da un circo e nel suo studio realizza una serie di fotografie che ritraggono due modelle, Hajinskaya Verackhatz e Nadia Kasine.
Nasce così la serie Distortions: 200 immagini di nudi femminili dove il corpo abbandona la sua forma per contorcersi ed espandersi nello spazio attraverso un utilizzo della luce che soltanto un fotografo come Kertész poteva rendere. La serie non fu compresa subito, ma nel 1939, con l’articolo su Minicam “Paradox of a Distortionist”, Kertész verrà definito maestro indiscusso, avendo creato un nuovo linguaggio visivo.

Danzatore burlesque Danzatore satirico 1926 C Andre Kerte
Burlesque dancer (Satyric dancer), 1926 Ministro della cultura e della comunicazione / Medicina dell’architettura e del patrimonio, Dist. Rmn © Donation André Kertész

Fu quando Kertész si riprese da un infortunio di guerra del 1917 che prese Underwater Swimmer , una delle sue fotografie più famose. È stato enormemente influente per i creatori di immagini di tutto il mondo. “Kertész è stato colpito e il suo braccio è rimasto paralizzato per un po ‘”, spiega Kooiman. “Si è completamente ripreso – ci è voluto un mese – e nel frattempo stava fotografando.” L’immagine in bianco e nero raffigura un uomo flessuoso che nuota sotto la superficie di una piscina, l’acqua che macchia la luce e distorce la figura mai così lievemente.

Curiosamente, ci sono due possibilità per l’identità del nuotatore: alcuni resoconti affermano che è uno dei fratelli di Kertész, Jenő, mentre altri suggeriscono che è un soldato ferito che partecipa al nuoto come terapia fisica. Kooiman sbaglia dalla parte del primo, dicendo “ha fatto molte fotografie dei suoi fratelli perché erano molto atletici.Quando guardi le foto del periodo ungherese, puoi solo immaginare quanto fosse romantica la sua vita. Gran parte del suo lavoro è stato fatto in campagna e vedi i suoi fratelli che nuotano e ballano – è una visione molto romantica della campagna ungherese “.

Studio Mondrians Parigi 1926 C Andre Kertesz
Studio di Mondrian, Parigi, 1926 Ministère de la Culture et de la Communication / Medicina dell’architettura e del patrimonio, Dist. Rmn © Donation André Kertész

Ciò che colpisce di Underwater Swimmer è che è il primo esempio dell’uso di distorsioni di Kertész, una tecnica che ha continuato a rivisitare ripetutamente. “Nel corso della sua carriera ha avuto questo interesse per rispecchiare superfici, riflessi e distorsioni – come una riflessione sulla vita”, dice Kooiman – da qui la scelta di Foam del termine Mirroring Life per intitolare la mostra. Con questa fotografia, Kertész è stata anche la pioniera dell’idea di catturare una persona sott’acqua, un argomento che oggi è molto diffuso nel mondo dell’arte e della fotografia: le piscine di David Hockney, gli skinny dippers diDeanna Templeton e The Swimmers di Emma Hartvig – un fatto che presta all’immagine una qualità senza tempo.

In questo senso, la scelta dei soggetti di Kertész che in precedenza non erano considerati degni di essere fotografata, lo distingue anche dai suoi contemporanei. E se fossero necessarie ulteriori prove del genio di Kertész, l’anno scorso Sir Elton John nominò Underwater Swimmer la fotografia più influente del 20 ° secolo. “Ho scelto questo perché penso che abbia avuto una tale influenza su così tanti fotografi e artisti”, ha dichiarato il cantante e appassionato collezionista di fotografia. “Per me, questa è la prima fotografia che ha reso sexy il corpo di un uomo. Penso che abbia rivoluzionato il modo in cui le persone guardano la forma maschile. Considero questo uno dei pezzi forti della mia collezione. “

André Kertész: Mirroring Life dura fino al 10 gennaio 2018, a Foam, Amsterdam.

per chi ne volesse sapere di più:

Andre Kertesz (2005 exhibition catalog)

Andre Kertesz: His Life and Work

Kertesz on Kertesz: A Self-Portrait

Andre Kertesz: Of Paris and New York

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Louis Lander-Deacon, fotografo