Distortions, André Kertész

André Kertész (Budapest, 1894 – New York, 1985) è stato un grande maestro del fotogiornalismo del Novecento e fonte di ispirazione per Henri Cartier-Bresson.
L’interesse di Kertész per le distorsioni nasce nel 1917 osservando la figura di un nuotatore immerso in acqua (Nuotatore sott’acqua, Ungheria 1917) e si concretizza quando, nel 1933, la rivista Le sourire gli offre cinque pagine da riempire in piena libertà.

Riprendendo il tema del nuotatore, Kertész affitta uno specchio deformante da un circo e nel suo studio realizza una serie di fotografie che ritraggono due modelle, Hajinskaya Verackhatz e Nadia Kasine.
Nasce così la serie Distortions: 200 immagini di nudi femminili dove il corpo abbandona la sua forma per contorcersi ed espandersi nello spazio attraverso un utilizzo della luce che soltanto un fotografo come Kertész poteva rendere. La serie non fu compresa subito, ma nel 1939, con l’articolo su Minicam “Paradox of a Distortionist”, Kertész verrà definito maestro indiscusso.

per chi ne volesse sapere di più:

Andre Kertesz (2005 exhibition catalog)

Andre Kertesz: His Life and Work

Kertesz on Kertesz: A Self-Portrait

Andre Kertesz: Of Paris and New York

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
DOS – Disegnare Oggetti Sonori