Wood Letters Helvetica, Mr-Cup (Fabien Barral)

Fabien Barral è un grafico il cui design innovativo attrae clienti da tutto il mondo. Nel 2008, insieme alla moglie Frédérique, crea “Harmonie intérieure“, un marchio che spinge il design dei poster e sticker da parete oltre i limiti che ci aspettiamo da una impresa commerciale.

Fabien gestisce anche il blog “Graphic-ExchanGE“, un popolare luogo di ritrovo on-line per progettisti grafici (e spesso fonte degli articoli di Design Playground). Ha imparato il mestiere di art director lavorando su progetti per grandi aziende. Nel design, le relazioni e lo scambio di idee sono però più importanti per Fabien più delle risorse finanziarie del cliente.

Attualmente sta concentrando i suoi sforzi su progetti di design eco-compatibili, cosmetici organici ed energia eolica. Dopo anni di lavoro con il proprio nome, è ora sotto lo pseudonimo Mr-Cup e sviluppa i propri prodotti: calendari letterpress, sottobicchieri…

“Nel 2012 ho deciso di visitare Bali per cercare artigiani che potessero realizzare ciò che avevo in mente. Fare gli adesivi da muro è una cosa, ma ho sempre la voglia di spingere il mio amore per le lettere a un altro livello. Coltivo l’idea di una collezione di Helvetica in legno da molto molto tempo. Ho creato due alfabeti di Helvetica, uno in legno Suar, un legno locale comune, e la seconda è a colori, realizzata in legno di teak riciclato. Ogni alfabeto sarà in edizione limitata di 500 lettere, ogni lettera è contenuta in sacchi in tessuto stampati in serigrafia. Le lettere sono in vendita nel negozio“.

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Workshop di incisione.
Serigrafia Tantemani a Bergamo