Mine Kafon, Massoud Hassani

Il detonatore di mine alimentato dal vento.

Mine Kafon è un progetto di Massoud Hassani, classe 1983, cresciuto a Qasaba (Kabul) dove la famiglia si è trasferita quando aveva 5 anni. Massoud e il fratello Mahmud giocavano ogni giorno nel loro quartiere nei campi circondati dalle montagne.

Quando eravamo bambini abbiamo imparato a costruire i nostri giocattoli. Uno dei miei preferiti è stato un piccolo oggetto che rotolava spinto dal vento. Facevamo gare con gli altri bambini nei campi intorno al nostro quartiere. C’era sempre un forte vento che soffiava verso le montagne. Mentre correvano, i nostri giocattoli, rotolavano troppo in fretta e troppo lontano. Molto spesso proseguivano la loro corsa in aree in cui non potevamo andare a causa delle mine. Ricordo ancora quei giocattoli che avevo costruito e che vedevo con tristezza allontanarsi in terreni inaccessibili.

Quasi venti anni dopo, sono tornato a Qasaba e ho costruito di nuovo quei giocattoli. Uno in particolare, venti volte più grande, più pesante e più forte di una volta, ma ancora alimentato dal vento e pensato per le stesse aree che erano (e sono tuttora) piene di mine è diventato il mio progetto di laurea per la Design Academy di Eindhoven (2011)

Il Mine Kafon è un detonatore di mine low cost. Un dispositivo sferico fatto di plastica biodegradabile e bambù, è abbastanza leggero da essere spinto dal vento ma è anche abbastanza pesante per far esplodere le mine mentre vi rotola sopra.

Mine Kafon è dotato di GPS integrato che permette di seguire il suo movimento e monitorare le zone dove è passato, stabilendo le vie più sicure per camminare e calcolando quante mine sono state distrutte in quella zona. Sulla carta, l’Afghanistan si dice avere 10 milioni di mine inesplose: “Ogni mina distrutta è una vita salvata e ogni vita conta” dice Massoud. Con ogni detonazione il Mine Kafon perde solo una o due “gambe”, in modo che possa potenzialmente distruggere tre o quattro mine in un solo viaggio.

Dopo essere venuto a conoscenza del progetto Mine Kafon, Callum Cooper, direttore di ardentfilm.org, ha contattato Massoud Hassani per collaborare a un cortometraggio che documenterà il suo lavoro.

Mine Kafon farà parte della collezione del MOMA (New York) che ospiterà una mostra del giovane designer a marzo 2013.

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Transmediale.11, Büro Achter April