Red Hong Yi. Ritratto di calzini e bambù

Questa istallazione è opera di Red Hong Yi (Hong in mandarino significa rosso), artista e architetto nata e cresciuta in Malesia ma con la Cina nel cuore grazie ai racconti dei nonni che negli anni ’60 fuggirono da Shanghai a causa della rivoluzione. Red, qualche anno fa, grazie al suo lavoro, decide di trasferirsi a Shanghai dove viene ispirata dall’utilizzo dei bastoni di bambù per stendere i panni. Decide così di creare un’istallazione utilizzando ben 750 paia di calzini con i quali realizzare il ritratto del regista cinese Zhang Yimou che proprio della tradizione cinese (ispiratrice del suo progetto) ha fatto il cavallo di battaglia dei suoi film.

Quando mi sono trasferita a Shanghai, mi sono imbattuta in un vecchio vicolo residenziale e vidi bastoni di bambù uscire fuori delle finestre con il bucato appeso che si agitava in aria.

Era uno spettacolo incredibilmente bello. E la cosa sorprendente è vedere qualcosa di così tradizionale in una città moderna e vivace come Shanghai. Questo mi ha spinto a realizzare un progetto nella vecchia zona residenziale dove vivo usando i materiali con cui i residenti locali hanno familiarità, ma organizzarli e installarli in un modo diverso.
L’idea iniziale era di raccogliere lotti di camicie e appenderli all’insù con molte canne di bambù, ma le magliette erano davvero difficili da manipolare. Ho finito per usare il più piccolo pezzo di capo d’abbigliamento che ho trovato: calzini. Ho usato 750 paia di calzini e ho trovato un modo interessante per appuntarli insieme.

Ho pensato che realizzare con i calzini il ritratto di Zhang Yimou sarebbe stato perfetto per questo progetto. Zhang Yimou è un famoso regista cinese che ha diretto il film Hero, La foresta dei pugnali volanti, La maledizione del fiore d’oro ed è stato anche il direttore artistico per le Olimpiadi di Pechino. Molti dei suoi film riflettono la bellezza della cultura cinese, attraverso l’uso di bambù e di costumi tradizionali.

Il regista cinese Zhang Yimou di cui Red Hong Yi ha realizzato il ritratto

I vicini di casa e i miei amici sono venuti ad aiutarmi sia ad unire tutti i calzini con le spille da balia sia a sollevare l’istallazione che aveva un peso notevole. L’assemblaggio è durato circa tre settimane e alla fine quest’opera si è rivelata un progetto comunitario!

 

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
L’Italia insegna.
Viaggio fra scritte, targhe e iscrizioni dello Stivale