I disegni di Federico Fellini

«Perché disegno i personaggi dei miei film? Perché prendo appunti grafici delle facce, dei nasi, dei baffi, delle cravatte, delle borsette?… Questo quasi inconsapevole, involontario tracciare ghirigori… fare pupazzetti che mi fissano da ogni angolo del foglio… volti decrepiti di cardinali, e fiammelle di ceri e ancora tette e sederi e infiniti altri pastrocchi… insomma, tutta questa paccottiglia grafica, dilagante, inesausta, che farebbe il godimento di uno psichiatra, forse è una specie di traccia, un filo, alla fine del quale mi trovo con le luci accese, nel teatro di posa, il primo giorno di lavorazione.»

Federico Fellini

Nino Rota

Lo Sceicco bianco

1969 – Satyricon – Vernacchio

Otto e mezzo: la Saraghina balla la rumba

Lo sceicco bianco: Cabiria Matilde e mangiafuoco

Ritratto di Totò

Disegno per I clowns: il clown bianco

I disegni sono raccolti in un libro di Pier Marco De Santi edito da Laterza nel 2004 che potete trovare qui

Il sito ufficiale della Fondazione in cui vengono presentate le iniziative, offre, oltre alla biografia, una filmografia dettagliata, la bibliografia e numerose altre immagini dei disegni del maestro