Memorie Urbane, work in progress #1

Martin Whatson

Il festival Memorie Urbane è iniziato da dieci giorni, alcuni artisti hanno già lasciato la loro firma sul litorale pontino e l’eco dell’evento è già grande. In questi mesi, fino a settembre, Design Playground seguirà le tracce dell’evento mostrando come tutte le città coinvolte stanno cambiando il loro volto. Pubblicheremo di volta in volta le immagini e i video che documenteranno tutte le opere realizzate dagli artisti. Il paesaggio urbano di questi luoghi cambierà e si rinnoverà. E noi saremo lì per mostrarvelo.

I primi che hanno lasciato il segno sono gli artisti De la mano, P.Herrero, E1000 e Watson. Etnik è al lavoro in questi giorni e Zachas è appena arrivato pronto a tingere i muri di Gaeta e Arce, prima città della Ciociaria a ospitare la manifestazione.

Pablo Herrero + e1000, Gaeta

Pablo Herrero + e1000, Gaeta

Pablo Herrero + e1000, Gaeta

Martin Whatson, Fondi

Martin Whatson, Latina

David De La Mano + Pablo Herrero, Porto Badino

David De La Mano + Pablo Herrero, Porto Badino

David De La Mano + e1000, Terracina

e1000, Terracina

Pablo Herrero, Terracina

Domenica sera invece si è svolta la serata di presentazione del Festival Memorie Urbane  presso il Bar Patriarca ad Arce in provincia di Frosinone, territorio ancora vergine per un’arte così nuova agli occhi meno attenti. L’evento è stato accolto con curiosità dal pubblico che ha risposto calorosamente all’invito dell’Associazione 56K e Turismo Creativo. Alla serata era presente MP5 che ha presentato la shoppingbag ufficiale da lei firmata ed è stata allestita una mostra delle prime opere del 2014 catturate dagli scatti di Flavia Fiengo e Arianna Barone. Special guest della serata Ernest Zacharevic, artista lituano che vive e lavora in Malesia, che ne ha approfittato per effettuare un sopralluogo del sito che ospiterà la sua opera e godere dell’ospitalità locale.

La borsa a firma di MP5