“Harmonic Motion / Rete dei draghi”, Toshiko Horiuchi MacAdam

Giocosa, colorata, interattiva: la grande installazione “Harmonic Motion / Rete dei draghi” che l’artista giapponese Toshiko Horiuchi MacAdam ha realizzato al MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma, nella sede di via Nizza, per la settima edizione di Enel Contemporanea, è un’opera d’arte tutta da scoprire.

Dallo scorso dicembre e per tutto il 2014, il pubblico la potrà ammirare e sperimentare. Si tratta di un grande e colorato playground interattivo interamente realizzato e intrecciato a mano dal sapore tradizionale, che rievoca l’antica lavorazione all’uncinetto abbinata a forme contemporanee, ideato per un pubblico di tutte le età e in particolare per i bambini, dove è possibile entrare, saltare, rotolare, arrampicarsi, strisciare, appendersi e muoversi attraverso livelli successivi. Un invito a vivere l’arte contemporanea da vicino in un intreccio fra arte e gioco. Sospesa nella grande Hall del Museo, a rappresentare un ideale fil rouge tra l’edificio storico e l’area museale progettata dall’architetto francese Odile Decq, Harmonic Motion / Rete dei draghi, della serie “Air Pocket”, sarà così allo stesso tempo opera d’arte, scultura tessile e aerea, spazio gioco, rete intrecciata e installazione, dove vivere un’esperienza sicuramente insolita e sorprendente.

Biografia
Nata in Giappone, Toshiko Horiuchi MacAdam ha frequentato la Tama Art University di Tokyo, per poi specializzarsi alla Cranbrook Academy of Art negli Stati Uniti. Subito dopo la laurea ha iniziato a lavorare come designer di tessuti per una prestigiosa società newyorkese. Da quel momento ha sviluppato una progressiva ricerca sul tessuto, sulla sua struttura e modalità di applicazione, fino a realizzare opere d’arte esposte in Giappone e a livello internazionale, che hanno dato il via al movimento chiamato “art fabric”. La riflessione è proseguita e Toshiko ha in seguito maturato la volontà di creare opere che non fossero solo esposte, ma che potessero anche coinvolgere il pubblico. Nel 1990 Toshiko ha così fondato Interplay Design & Manifacturing Inc, insieme al marito Charles MacAdam, con l’obiettivo di sviluppare e promuovere in tutto il mondo le sue sorprendenti sculture tessili e, in particolare, il progetto “public art for kids” che quest’anno giunge per la prima volta in Italia, al MACRO di Roma. Nel corso degli ultimi 40 anni ha esposto i propri lavori in numerosi musei e gallerie internazionali, in Giappone, negli Stati Uniti, nel sud-est asiatico ecc.. Ha realizzato scenografie, pubblicato svariati testi di riferimento sul tema, è stata nella giuria di premi internazionali e insegna attualmente alla facoltà tessile della NSCAD University (Halifax, Canada). La sua scultura in maglia Atmosphere of the Floating Cube è presente nella collezione del Museo Nazionale d’Arte Moderna di Kyoto. Vive e lavora in Canada.

Fino al 31 dicembre 2014
Toshiko Horiuchi MacAdam
Harmonic Motion / Rete dei draghi 2013

Progettazione strutturale: Norihide Imagawa
Progettazione e produzione: Charles MacAdam
a cura di Francesco Bonami
Enel  contemporanea 2013
MACRO – Museo d’Arte Contemporanea Roma
via Nizza 138, Roma

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Pieter Janssen, in arte “Parra”