Weekly Chalkboard Quotes, Dangerdust

Nonostante il nostro travolgente carico di lavoro al Columbus College of Art & Design, abbiamo deciso di creare una nuova lavagna ogni settimana. Abbiamo “adottato” la lavagna al terzo piano del Crane e ogni lunedi apparirà una nuovo lavoro. Follow us. Love us.

La coppia di studenti, che lavora in forma anonima sotto il nome di “Dangerdust” (pericolo polvere), ha trascorso l’anno scolastico trasformando una lavagna del Loann Crane Center for Design presso la Columbus College of Art and Design (CCAD) in polverose opere d’arte che riproducono citazioni di personaggi celebri. Tutto questo è stato ancor più semplice grazie all’incoraggiamento di un loro professore, Matthew Mohr, e degli amministratori della Columbus che hanno abbracciato il progetto sin dall’inizio dando il loro sostegno sui social media.

“Il fatto che i due abbiano avviato il progetto in maniera indipendente,” racconta Mohr “la dice lunga. Hanno fatto quel che hanno fatto perché amano ciò che fanno, non perché è stato loro assegnato come compito.”

Nel mese di aprile, presso il CCAD Art Fair, i ragazzi hanno venduto il loro lavoro indossando travestimenti interamente bianchi per mantenere il loro anonimato ma la vendita delle stampe delle loro opere continua attraverso la piattaforma Etsy.

Nel loro profilo su Behance potrete vedere l’intera serie prodotta.

 

Il video per la Lavagna n. 15 Coco Chanel

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Stephen “ESPO” Powers.
Una lettera d’amore per la città