Lava Mae, “…la dignità apre opportunità”

A San Francisco uno "shower bus" offre gratuitamente il servizio doccia ai senzatetto.

Oltre al lavoro ci sono molte altre cose che conferiscono dignità ad un individuo, come ad esempio la “semplice” possibilità di farsi una doccia, che così scontata non è dato che in tutto il mondo i senzatetto e le persone che non possono accedere ai servizi igienici sono in forte aumento. Solo nella città di New York superano i 60.000 e a Las Vegas si aggirano intorno ai 57.000, in tutta la Russia ce ne sono 5 milioni di cui un milione sono bambini, per non parlare di Manila nelle Filippine dove praticamente tutta la popolazione, circa 23 milioni, vive in baraccopoli. Questi sono solo alcuni dei dati allarmanti riguardo il problema. A San Francisco per esempio ci sono 7.350 persone senza fissa dimora ma a differenza di tutto il resto del mondo in questa città sta succedendo qualcosa di speciale.

Qualche mese fa per le strade di San Francisco ha iniziato a circolare lo “shower bus”, un bus di colore blu che gira per la città e offre il servizio doccia gratuitamente: si chiama Lava Mae. Promotrice di questa iniziativa è l’associazione omonima che dopo aver raccolto 58mila dollari ha comprato e riconvertito un vecchio bus di linea trasformandolo in un bagno/doccia ambulante.

“Lava Mae non pone fine alla condizione dei senza fissa dimora. Quello che stiamo offrendo è l’igiene, perché crediamo che l’igiene porti la dignità, e la dignità apra opportunità”. Doniece Sandoval, presidente dell’associazione Lava Mae

Perché un autobus? In una città come San Francisco, dove i prezzi degli immobili stanno esplodendo, essere mobili assicura che il servizio non sia soggetto all’aumento degli affitti o a potenziali sfratti. E forse ancora più importante, offre la flessibilità per raggiungere i senzatetto che sono sparsi in tutta la città.
L’iniziativa ha avuto un tale successo che l’associazione è stata contattata da gruppi e singoli di tutto il mondo – da Singapore a Sao Paulo, da Los Angeles ad Atlanta – desiderosi di creare un Lava Mae per le loro comunità. Che sia l’inizio di un futuro più dignitoso per tutti?

Se volete fare una donazione potete farlo a questo link.

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Le sette montagne magiche di Ugo Rondinone