Affiche, Riccardo Guasco:
una mostra lunga 20 chilometri

affiche_1

Oliviero Toscani tempo fa in un’intervista ha dichiarato che la prima cosa che nota quando visita una città o un paese sono i suoi manifesti pubblicitari:

“I muri raccontano. Quando si va in un paese, dai manifesti sui muri si capisce la società, come funziona l’economia locale, cosa si produce e cosa si vorrebbe comprare. Pensi all’Italia, noi siamo il Paese delle creme di bellezza, delle borse, delle scarpe e dei cellulari”. (Oliviero Toscani su Il Turismo Culturale – agosto 2013)

Cremona invece, dal 12 al 24 novembre, lo sguardo del visitatore sarà alleviato e rigenerato da un paesaggio urbano di gran lunga più stimolante e piacevole grazie alla manifestazione Affiche.

Si tratta di una mostra atipica allestita negli spazi che di norma vengono riservati alle affissioni pubblicitarie o ai manifesti elettorali, che si estende su tutto il territorio cittadino di Cremona, attraverso un percorso di circa venti chilometri. Quest’anno l’artista a cui è dedicata la mostra è l’illustratore Riccardo Guasco, che succede a Shout (2012) e Olimpia Zagnoli (2013). Affiche porta l’illustrazione a cielo aperto tra i passanti, anche quelli più ignari, siano essi a piedi, in macchina o in bicicletta. Lo spazio espositivo è la città stessa. Per coloro che invece vorranno percorrere tutto il percorso potranno seguire le indicazioni della mappa (in calce all’articolo) che indica la disposizione delle opere. Chi invece preferisce gustarsi le opere al chiuso potrà comunque ritrovare quasi tutte le immagini esposte presso lo Spazio Tapirulan (via Voghera 1/a, Cremona).

affiche

Inoltre domenica 16 novembre 2014 alle ore 16, con partenza da Spazio Tapirulan (via Voghera 1/a) inaugurerà la mostra una biciclettata esplorativa in compagnia dell’autore, durante la Festa del Torrone.

Riccardo Guasco accompagnerà i visitatori in giro per la città facendo tappa in alcune delle stazioni del percorso in cui sono esposte le sue affiche. Durante la biciclettata non verranno percorsi tutti i 20 km ma soltanto una parte, poiché alle 17 e 30 presso lo Spazio Tapirula si concluderà l’appuntamento con un aperitivo. In caso di pioggia l’appuntamento resta comunque lo spazio dell’associazione in Via Voghera, 1/a per l’aperitivo. Tra i partecipanti alla biciclettata verrà estratto un fortunato vincitore che si aggiudicherà una delle affiche (di dimensioni 140×200 cm) e un catalogo della mostra.

Arcimboldo
Arcimboldo © Riccardo Guasco
Cam-with-me
Cam with me © Riccardo Guasco
La-solitudine-del-cartellonista
La solitudine del cartellonista © Riccardo Guasco

mappa_affiche

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Operae, Mostra-mercato internazionale del design autoprodotto