Typodarium 2015

La settima edizione del calendario tipografico di Slanted

365 fonts progettati da 223 designers provenienti da tutto il mondo, 384 pagine stampate su ambo i lati. Il Typodarium, il piccolo calendario tipografico, pubblicato da Slanted, giunge alla settima edizione.

Oltre a essere la testimonianza della grande forza comunicativa dei caratteri tipografici, questo calendario potrebbe considerarsi l’arma segreta contro la “tipotonia”, una forma curabile di monotonia tipografica, i cui sintomi si manifestano spesso attraverso l’uso costante dello stesso tipo di carattere (preferibilmente Helvetica).

Quest’anno, la tavolozza dei colori, rosa e giallo, si ispira al Messico. I membri della giuria sono stati Philippe Apeloig, Alexander Branczyk, Martina Flor, Ivo Gabrowitsch e Mario Lombardo.

Typodarium 2015
“with a fresh font for every day”
 
Editors: Lars Harmsen, Raban Ruddigkeit
Publisher: Hermann Schmidt Mainz
Pubblicato: Settembre 2014
Formato: 8.5 × 12 cm
Lingua: English
Specials: Packaged in a sturdy collecting box for archiving the type samples
EAN 4260172810463
Prezzo: 16.80 Euro
Puoi acquistarlo qui: http://www.slanted.de/shop/typodarium-2015
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Writing. Design on your desk