Best Music Covers 2014

besta_music_covers_2014_designplayground

Cambiano formato in base al supporto, risentono del periodo storico di pubblicazione, subiscono gli attacchi della multimedialità, ma le copertine dei dischi restano “l’immagine” della musica per eccellenza. E così grafici, illustratori, fotografi o gli stessi componenti delle band sono chiamati a rappresentare visivamente il racconto musicale inciso su vinile o altro. Quella che segue è la selezione delle 20 copertine di album musicali per noi  esteticamente più significative del 2014, rigorosamente in ordine sparso.


 

Green Lives: The Years
Artwork Hvass&Hannibal; Studio Photography Brian Buchard; Landscape Photography Hans Kruse

hvass-hannibal-green-lives-1

 

Pink Floyd:  The Endless River
Photograph: Ahmed Emad Eldin/Pink Floyd/PA

best_music_cover_2014_designplayground-05

 

Earth: Primitive and Deadly
Fotografia e design Samantha Muljat

Fotografia design d Samantha Muljat

 

Warpaint: Warpaint
Design Chris Cunningham

best_music_cover_2014_designplayground-16

 

Tycho: Awake
Design Tycho (Scott Hansen)

best_music_cover_2014_designplayground-15

 

Rustie: Green Language
Artwork Dominic Flannigan; photography Simen Johan

best_music_cover_2014_designplayground-13

 

Peter Matthew Bauer: Liberation!
Artwork Seen Studio

best_music_cover_2014_designplayground-22

 

Little Sur: Modern Studies Of Ancient Times
Artwork Rachel Whitlow

best_music_cover_2014_designplayground-12

 

Liars: Mess
Artwork Liars

best_music_cover_2014_designplayground-11

 

Architecture in Helsinki: Now + 4Eva
Artwork Santtu Mustonen

best_music_cover_2014_designplayground-10

 

Feadz: Instant alpha
art director Jean André

best_music_cover_2014_designplayground-09

 

FKA twigs: LP1
Design
Jesse Kanda

best_music_cover_2014_designplayground-08

 

Run The Jewels: Run The Jewels 2
Art direction Nicholas Gazin, Michael Lukowski

best_music_cover_2014_designplayground-07

 

Lawrence English: Wilderness of Mirrors
Fotografia Edward Steichen

best_music_cover_2014_designplayground-21

 

Ex Hex: Rips
Artwork Johann Kauth

best_music_cover_2014_designplayground-19

 

Arms and Sleepers: Swim team
Artwork Jaime Silveira

best_music_cover_2014_designplayground-06

 

Caribou: Our love
Design Mattew Cooper; Art direction, design e fotografia Jason Evans

best_music_cover_2014_designplayground-03

 

Swans: To be kind
Artwork Bob Biggs

best_music_cover_2014_designplayground-20

 

Tv On The Radio: Seeds
Art Direction Babatunde Adebimpe, Julian Gross; Artwork Julian Gross; Fotografia Joshua White

best_music_cover_2014_designplayground-02

 

Broken Bells: After the disco
Design Jacob Escobedo

best_music_cover_2014_designplayground-01

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Design in gioco al MUBA di Milano