Kincső Nagy, le cover alternative per i romanzi di Harry Potter

La magia e il mistero dei libri della scrittrice J. K. Rowling sono racchiusi nel minimalismo e nell'eleganza di questi piccoli gioielli.

La studentessa ungherese Kincső Nagy ha realizzato, per il suo corso di laurea in grafica e illustrazione, le copertine alternative per i sette romanzi di Harry Potter e alcune illustrazioni interne del primo libro Harry Potter e la pietra filosofale.
La magia e il mistero dei libri della scrittrice J. K. Rowling sono racchiusi nel minimalismo e nell’eleganza di questi piccoli gioielli. Ogni copertina infatti è caratterizzata dalla scelta di un unico oggetto, simbolo dell’intero volume, che, dopo aver preso forma grazie ad un preciso intaglio, risplende nel buio.

9f6fc58b98542533fc97a757d2beba3b
Da sinistra, Il Prigioniero di Azkaban, Il Calice di Fuoco, La Camera dei Segreti, la Pietra Filosofale, L’Ordine della Fenice, Il Principe Mezzosangue e I Doni della Morte.
7e7f58653a364a09356bc583754a209f
12f192bdf9185b37c0f058dcdb389d05
916e2f65af169a4f13305f1a17b068eb

Le illustrazioni interne sono state realizzate con degli stencil scannerizzati e colorati con Photoshop. In alcuni casi troviamo dei pop up in altri le illustrazioni si stratificano e si aprono in modo tale che il lettore possa sbirciare al loro interno: dal muro che nasconde l’Espresso per Hogwarts all’uovo di drago vinto da Hagrid durante una partita di carte che racchiude Norberto, una femmina di Dorsorugoso di Norvegia.

ab016fa5fa7e86af093729dfc0d7380d
997d9bc96effe90231425685a923dbfa
cc66d63a006eb1a0976e01c2caf2e861
3a46de8832f708ae0f719a5f6cf6acb0
f4b339aa73cc1190fc7d95e0521b9cd4
5aac0f733134e7b6d0441a7c4e6e6a4a
6cf8418c7e34ccf2174a390510037415
014b16dbdd55857a4bb809ad11828b8f
30d8f7f73fe9b8f0da8229209a7adcb1
bc6c0bd83c85b0604aaee54d80760170

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Weekly Chalkboard Quotes, Dangerdust