CTL, mostra collettiva di Calligrafia, Tipografia e Lettering

Presso la galleria Spazio Porpora di Milano dall’8 al 17 gennaio sarà ospitata la mostra CTL, esposizione dedicata alla calligrafia, alla tipografia e al lettering, curata da Federica Oronti e Davide Pagliardini. L’arte della scrittura a mano, la scelta del carattere giusto per dare forza ad un contenuto, il gioco con le forme, le dimensioni e la spaziatura delle lettere, lo studio di nuovi caratteri, sono tutte le sfaccettature che caratterizzano queste discipline, che, se anche spesso sottovalutate, sono frutto di lavoro, professionalità e arte, ma soprattutto sono elementi fondanti della comunicazione visiva.

Saranno dieci gli artisti in mostra, si tratta di ragazzi italiani tutti molto giovani che hanno fatto delle “lettere” e dell’illustrazione la loro passione e il loro mestiere. Parte delle opere esposte saranno in vendita presso la galleria.
Elenco artisti in mostra: Daniele Tozzi, Dario Maggiore, Davide Pagliardini, Davide Smake Nuzzi, Federico Landini, Jonathan Calugi, Marco Goran Romano, Pietro Piscitelli, Riccardo Gradoner Carusi, Valentina Casali.

Eventi in programma:

  • Giovedì 8 gennaio ore 18.00 in poi > Vernissage con aperitivo
  • Sabato 10 gennaio dalle ore 16.00 in poi > Giornata di “Live Workshop” in collaborazione con lo studio &TYPE per sulle tecniche di stampa (che permetterà ai visitatori anche di stampare e portare a casa una propria cartolina personalizzata con tecniche tipografiche miste)
  • Mercoledì 14 gennaio dalle ore 16.00 in poi > Giornata di “Live Painting” durante la quale alcuni artisti realizzeranno delle opere sul momento
  • Sabato 17 gennaio dalle ore 17.00 in poi > Finissage: merenda di saluto con artisti presenti (alcuni dei quali realizzeranno delle opere sul momento) per un dibattito a tema

Lo Spazio Porpora intende porsi come luogo d’incontro tra le istanze creative e coloro che intendono avvicinarsi al mondo delle arti . Questa la prima di una serie di mostre che metteranno in luce un nuovo lato della galleria, rivolto anche ad un pubblico più giovane e ad alcune arti più “collaterali” come grafica, illustrazione, moda e design.

Landini_02
Federico Landini
daniele tozzi - galleria varsi
Daniele Tozzi, Galleria Varsi
36 days of type_2
Federico Landini
36 days of type_2
Federico Landini
bloggers_manifesto
Davide Pagliardini
OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Davide Pagliardini
commissionati
Riccardo Gradoner Carusi
allthatjazz
Jonathan Calugi
wewereyoung
Jonathan Calugi
SB_pelo
Sunday Büro
SB_sharing
Sunday Büro
calligrafia
&Type
daniele tozzi - shakespeare
Daniele Tozzi
thunderbeard_zoeslignum_logo
Dario Maggiore
Stampa
Pietro Piscitelli
Davide Smake Nuzzi
Davide Smake Nuzzi
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Stranger project, Benoit Paille