Gli illustratori per “Charlie Hebdo”

FRANCE-CRIME-MEDIA-SHOOTING

La comunità internazionale degli illustratori si è affrettata a rispondere all’incredibile atto di violenza del quale è stata vittima questa mattina (7 gennaio 2015) la redazione del giornale satirico francese Charlie Hebdo e lo ha fatto naturalmente a suo modo, con immagini struggenti o cariche di ironia che hanno presto fatto il giro del web a ricordare la loro vicinanza ai colleghi uccisi e, come cardine di civiltà, il diritto inviolabile di libertà di espressione.

jesuischarlie
Grotesk (Kimou Meyer)
Gipi
Gipi
Riccardo Guasco
Riccardo Guasco
Charlie_Hebdo_designplayground-03
Jean Jullien:
Charlie_Hebdo_designplayground-01
MATT (The Telegraph)
Charlie_Hebdo_designplayground-02
Mala Imagen
Charlie_Hebdo_designplayground-04
Ruben L. Oppenheimer
Charlie_Hebdo_designplayground-05
Joep Bertrams
Charlie_Hebdo_designplayground-06
Tom Ungerer
Charlie_Hebdo_designplayground-09
David Pope
Charlie_Hebdo_designplayground-07
Francisco J. Olea
Charlie_Hebdo_designplayground-08
Hattie Stewart
10891554_775951019149164_5496589219151595942_n
Doug Dearth
Charlie_Hebdo_designplayground-10
Dave Brown for The Independent
Charlie_Hebdo_designplayground-11
Neelabh Banerjee
Charlie_Hebdo_designplayground-12
Martin Vidberg
Charlie_Hebdo_designplayground-14
Loïc Sécheresse
Charlie_Hebdo_designplayground-15
Zep
Charlie_Hebdo_designplayground-13
Ann Telnaes
Charlie_Hebdo_designplayground-16
Magnus Shaw
Rafael Mantesso
Rafael Mantesso
Il giornale Independent la attribuisce all’illustratrice Lucille Clerc
Il giornale Independent la attribuisce all’illustratrice Lucille Clerc
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
The forty story: i quarant’anni di Pentagram