Halfbike II.
Pedalare naturalmente

Un nuovo veicolo a tre ruote a metà strada tra bicicletta e monopattino

La campagna Kickstarter per la produzione della Halfbike II, un nuovo veicolo a tre ruote a metà strada tra bicicletta e monopattino, ha raggiunto il suo obiettivo di finanziamento in meno di 24 ore con l’aiuto di oltre 250 sostenitori. Il team di Kolelinia che ha progettato questo nuovo mezzo sembra essere quindi sulla strada giusta: se la campagna raggiungerà i 250.000 dollari le bici saranno dotate anche di luci e parafanghi.

La felicità ha qualcosa a che fare con il gioco e con il divertimento, il che comprende uscire all’aria aperta e mantenersi attivi. Così, abbiamo deciso di creare un nuovo veicolo per risvegliare il vostro istinto naturale al movimento.

Abbiamo adottato il meccanismo classico di una bicicletta (una ruota collegata ad una guarnitura), ma abbiamo ridisegnato quasi tutto il resto. Il risultato è un veicolo che allena equilibrio e riflessi in un modo nuovo, non solo a livello fisico ma anche nel modo in cui si percepisce il movimento. La posizione del pilota è essenziale per la Halfbike.

Si può controllare il veicolo con tutto il corpo e non solo con le mani. Infatti, pedalare su una Halfbike si avvicina molto al movimento naturale del camminare. Halfbike è una sorta di estensione del corpo che permette una guida fluida e intuitiva.

Guidare una Halfbike offre una prospettiva diversa della città. Si può usare per gli spostamenti, l’esercizio fisico o il tempo libero. Indipendentemente da come o dove si sta andando, l’esperienza è ciò che conta davvero. Halfbike non è semplicemente un mezzo per muoversi da un posto all’altro ma un modo per distrarsi per un momento dalle preoccupazioni quotidiane, per concentrarsi esclusivamente sul tuo corpo e sulla pedalata.

halfbike_designplayground_06
halfbike_designplayground_07
halfbike_designplayground_08
halfbike_designplayground_01
halfbike_designplayground_02
halfbike_designplayground_03

Halfbike è compatta e leggero, è facile da trasportare praticamente ovunque. Essendo pieghevole è agevole portarla a bordo dei mezzi di trasporto più comuni. Una volta piegata, la bici entra facilmente nel bagagliaio di una piccola auto, in metropolitana o sotto la scrivania dell’ufficio. Si può comodamente metterla in un ascensore o sollevarla per prendere le scale perché pesa meno di 18 chili.

-wOfpDO1X_v8iSoYGZECFAzsCYApnnjX9EnPegiqg-Q
halfbike_designplayground_04
halfbike_designplayground_11

Disponibilità
Il prezzo di una Halfbike dopo la campagna è fissato a 599,00 dollari (la consegna è gratuita).

Kolelinia è stata fondata da Martin Angelov e Mihail Klenov, due architetti che condividono la visione sulla mobilità urbana e come può essere applicato alla città contemporanea. Sono un gruppo di giovani che si dedicano alla ricerca su sistemi di trasporto alternativi.

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Slow Wood, il panino componibile
di Studio Fludd