“Malika Favre Solo Show”,
dal 25 aprile a Borgo Berga (Vicenza)

Exhibition_images_selection_MF
© Malika Favre

Reduce dal successo delle immagini realizzate per il gala dei BAFTA – i premi del cinema e della televisione inglesi – l’illustratrice londinese di origini francesi Malika Favre torna a Vicenza con una mostra personale organizzata da Associazione Illustri e Berga Urban Museum.
Il “Malika Favre Solo Show” sarà inaugurato sabato 25 aprile alle 18.00 negli spazi del complesso residenziale di Borgo Berga a pochi passi dal centro del capoluogo berico. La mostra – aperta fino al 5 giugno ad ingresso gratuito– presenterà 31 opere per un viaggio alla scoperta della produzione artistica della Favre, tra progetti personali e lavori commissionati, a partire proprio dalla serie completa dei poster realizzati per i BAFTA inglesi.

favre3
© Malika Favre
Print
© Malika Favre

L’illustratrice, che interverrà all’inaugurazione, rimarrà a Vicenza anche la domenica (mostra aperta tutto il giorno), quando terrà un workshop i cui posti sono andati esauriti in poche ore. A fare da cornice al primo fine settimana di apertura della mostra, saranno le atmosfere del Sunday Market, che trasformerà la piazza pubblica di Borgo Berga in una vetrina della creatività con 20 designer emergenti italiani, musica e street food.

cartolina

Dopo il 26 aprile, la mostra “Malika Favre Solo Show” sarà visitabile il mercoledì dalle 15.00 alle 18.00, il sabato e la domenica dalle 15.00 alle 19.00. Tutte le illustrazioni esposte saranno anche raccolte in un catalogo in vendita al bookshop della mostra (e che verrà firmato dall’autrice durante l’inaugurazione e la giornata di domenica). Saranno disponibili anche alcune stampe a tiratura limitata.
Ma non ci sarà solo l’illustrazione a colorare Borgo Berga sabato 25 e domenica 26 aprile perché grazie al Sunday Market si potranno scoprire idee originali e prodotti rigorosamente unici di 20 designer italiani emergenti: dall’abbigliamento all’accessorio di tendenza, dal bijoux al complemento d’arredo per personalizzare la casa. E non mancheranno musica con djset e angoli per la ristorazione. Il SunDay Market – con i negozi aperti sabato dalle 18 e domenica dalle 10 alle 20 – è un progetto ideato da Ellis & Mabel, promosso a Vicenza da Sviluppo Cotorossi Spa in collaborazione con Associazione Illustri e Berga Urban Museum.

Malika Favre
Malika Favre è un’illustratrice e art director francese che vive oggi a Londra. Cresciuta e diplomata in Graphic Design a Parigi, si è trasferita in Inghilterra dove è entrata a far parte del prestigioso studio multidisciplinare Airside nel 2006. Nel 2011 ha iniziato la sua carriera solitaria come illustratrice che, in pochissimo tempo, l’ha fatta diventare una delle più acclamate disegnatrici al mondo. Fra i suoi clienti figurano Vogue, The New Yorker, Penguin Books, Gucci, Sephora. Per lei è un ritorno a Vicenza, dove è già stata presente con le sue opere al BUM, la prima esperienza del Berga Urban Museum.

Exhibition_images_selection_MF
© Malika Favre
favre5
© Malika Favre

 

Fonte: Ufficio Stampa

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
The-Sandpit---Un-giorno-a-New-York-city,-in-miniatura.-Sam-O'Hare
The Sandpit, un giorno a New York city, in miniatura. Sam O’Hare