I silos di grano si colorano con una maglia colorata di forme e linee

silosgrain_hense_designplayground_09

L’ultimo lavoro dell’artista statunitense Hense (Alex Brewer) è un murales di notevoli dimensioni realizzato sulle superfici dei silos di grano (ognuno alto circa 36 metri e con un diametro di 11). del gruppo CBH a Northam, in Australia. Questo progetto è stato organizzato e finanziato da FORM PUBLIC 2015 organizzazione culturale un non-profit indipendente fondata nel 1968 che sviluppa e sostiene le eccellenze nella creatività e nella pratica artistica in Australia Occidentale.

Una maglia colorata di forme e linee che aggiungono colore e vita a uno spazio altrimenti desolante. Il risultato, come spesso accade in questi casi, è inaspettato e stupefacente.

Quest’opera fa parte di un programma di investimenti più ampio che CBH rivolge alla comunità e che si propone di coinvolgere le persone che ne fanno parte con esperienze e opportunità che altrimenti potrebbero non essere per loro disponibili.

Da quando è stato avviato il progetto dei silos, FORM è stato inondata da oltre 200 suggerimenti per altre grandi opere pubbliche in tutta la regione del Wheatbelt. Il loro obiettivo a lungo termine è quello di creare un “percorso d’arte”, che potrebbe indurre gli abitanti delle città più grandi a recarsi nelle varie località della Wheatbelt e vedere le opere realizzate da artisti di fama internazionale.

Fotografie di Bill Shaylor

silosgrain_hense_designplayground_01 silosgrain_hense_designplayground_02 silosgrain_hense_designplayground_03 silosgrain_hense_designplayground_04 silosgrain_hense_designplayground_05 silosgrain_hense_designplayground_06silosgrain_hense_designplayground_10silosgrain_hense_designplayground_08silosgrain_hense_designplayground_11silosgrain_hense_designplayground_12

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
‘Stories’, Giuseppe De Luca