Workshop di stencil.
Joao Samina a Bergamo

Stencil_Samina_Pigmenti

Nel mese di giugno si svolgerà a Bergamo il workshop di stencil tenuto dallo stencil artist portoghese Joao Samina per PigmentiLe iscrizioni sono aperte fino a mercoledì 27 maggio e il laboratorio verrà realizzato solo se si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Il programma in sintesi:
– Introduzione da parte dell’artista al mondo dell’arte urbana;
– Spiegazione degli elementi base dello stenciling;
– Sessione di taglio degli stencil progettati da Samina;
– Progettazione e taglio degli stencil che completeranno l’opera e che saranno creati dai     partecipanti;
– Preparazione ed esecuzione degli stencil multilivello;
– Esecuzione dell’opera in uno spazio pubblico nella città di Bergamo (parete 5 x 4 m circa).

Il laboratorio di stencil fa parte del progetto Abitare una nuova Malpensata, ideato dalla Cooperativa Sociale Patronato San Vincenzo grazie all’esperienza maturata attraverso il progetto Pigmenti, che, insieme all’evento di live painting di Samina con musica e aperitivi nel bel parco di Edonè, ha l’obiettivo di valorizzare il percorso fatto in questi anni sul quartiere bergamasco di Malpensata.

DATE:
Live Painting /
mercoledì 10 giugno 2015
Workshop / venerdì 5 giugno, ore 18.00 – 20.00 | sabato 13 giugno, ore 9.30 – 13.00 / 14.30 – 17.30 | domenica 14 giugno, ore 9.30 – fino al completamento del lavoro (massimo fino alle 15.00).

Evento-Samina-quadrato-web

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Memorie Urbane, work in progress.
Intervista allo street artist Fran Bosoletti