Le visioni oniriche di Neda Vent Fischer

Neda_Vent_Fischer_designplayground_19

“Le fotografie possono raggiungere l’eternità attraverso il momento” diceva Henri Cartier-Bresson. Quando questo momento va oltre la realtà, trasformandosi in una visione sognata, ogni certezza materiale viene meno e ci si immerge in una dimensione astratta e senza tempo.

Neda Vent Fischer è una fotografa nata in Yugoslavia nel 1974 che passa il suo tempo tra Parigi e Belgrado. Nelle sue fotografie trova spazio una tensione emotiva evidenziata dall’uso di un’immagine traballante, come se chi fotografa non avesse il tempo necessario per fermarsi e catturare quell’attimo fuggente. Ogni spazio è chiaramente riconoscibile ma Neda ci svela modi nuovi di guardare i celebri luoghi turistici, gli edifici, gli scorci che sono diventati consueti nella loro ubiquità. L’uomo è assente, c’è “solo” il fotografo, intento a catturare il momento. Sembra solo, spaventato, agitato e l’effetto mosso evidenzia ancora questo aspetto.

“Non credo che il mio lavoro si possa definire di ricerca fotografica, suona troppo puro e semplice. Io uso la malinconia come motore, nel tentativo di dare vita alle storie che si nascondono nella mia mente: il mio subconscio, i miei sogni e, infine, i miei incubi”.

Neda_Vent_Fischer_designplayground_14Neda_Vent_Fischer_designplayground_20Neda_Vent_Fischer_designplayground_15Neda_Vent_Fischer_designplayground_17Neda_Vent_Fischer_designplayground_12Neda_Vent_Fischer_designplayground_13Neda_Vent_Fischer_designplayground_11Neda_Vent_Fischer_designplayground_07Neda_Vent_Fischer_designplayground_08Neda_Vent_Fischer_designplayground_06Neda_Vent_Fischer_designplayground_03Neda_Vent_Fischer_designplayground_04Neda_Vent_Fischer_designplayground_01Neda_Vent_Fischer_designplayground_16Neda_Vent_Fischer_designplayground_17Neda_Vent_Fischer_designplayground_18