Herman Miller: I “Picnic Posters” di Steve Frykholm

Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_feat

La carriera di Steve Frykholm (Seattle, Washington 1942) come progettista grafico presso la leggendaria Herman Miller Furniture Company, dove Charles e Ray Eames, Alexander Girard e George Nelson hanno costruito la loro reputazione e creato il canone di design del mobile moderno, è iniziata con una grande spiga di mais dolce che rimanda al paesaggio agricolo del Western Michigan, sede dell’azienda.

Poco dopo essere arrivato nell’azienda con sede a Zeeland, nel 1970 (assunto come primo graphic designer in-house), a Frykholm fu chiesto di ideare un poster per il picnic aziendale che aveva come nome “Sweet Corn Festival”. Insieme al designer Phil Mitchell, Frykholm preparò una stampa serigrafica con una bocca e grandi denti serrati intorno a una spiga di mais, in stile Pop Art. “Avevo imparato la stampa serigrafia mentre ero nel Corpo di Pace a insegnare presso una scuola professionale per ragazze in Nigeria”, dice Frykholm. La combinazione si è rivelata fruttuosa.

Frykholm ha continuato a progettare manifesti per i “picnic” di Herman Miller per i successivi 20 anni. Progetti divertenti e sorprendenti, divenuti ormai iconici e molti dei quali finiti nelle collezioni permanenti di molti musei tra i quali il MoMA di New York.

WHY_PicnicPosters_06Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_05Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_06Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_19Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_14Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_03Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_12Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_01Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_16Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_15Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_10Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_11Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_13Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_21 Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_09Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_07Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_02Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_04Frykholm- Picnic-Postersi-designplayground_20.jpg.sb-16b42c7c-hXvC86

Il video che segue, realizzato dallo studio newyorkese Dress Code, offre un raro sguardo sui meticolosi archivi di Steve Frykholm tra vecchi schizzi e storie vissute in oltre 40 anni in Herman Miller, Per finire con una ristampa del suo primo manifesto per il picnic 21 agosto 1970 da cui tutto ha avuto inizio.

Produced and Directed by: Dress Code (dresscodeny.com)
Producer: Tara Rose Stromberg
Cinematography: Adam McDaid, Andre Andreev
Editor: Dan Covert, Mike Cook
Color: Andre Andreev
Animation: Josh Parker, Emil Bang Lyngbo
Music + Sound Design: You Too Can Woo
Shot on: Red Scarlet

Herman Miller Team
Executive Creative Director: Ben Watson
VP of Brand: Richard Elder
Brand Manager: Kathy Keating
Art Director: Everett Pelayo
Writers: Amber Bravo, Clark Malcolm
Program Manager: Gay Strobel

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Glenn Jones aka Glennz