“Sunday Sketches”, Cristoph Niemann

trex

Quando non è impegnato a disegnare copertine per il New Yorker o per Time, Christoph Niemann “scarabocchia”. Lo scorso anno, l’illustratore berlinese ha iniziato, sulla sua pagina Instagram, la pubblicazione (con cadenza settimanale) di schizzi che si basano soprattutto sull’interazione con oggetti di uso quotidiano. “L’idea per questa serie è nata molto semplicemente perché ho sempre una scrivania disordinata dove c’è tutta questa roba che non dovrebbe essere lì, così ho iniziato a disegnare intorno a tutte queste cose. Prendo un oggetto che non rimanda immediatamente a una qualche tipo di connessione e lo osservo fino a quando appare una specie di immagine”. Quelle che vedete qui sotto. “Nulla si sa, tutto si immagina” diceva Federico Fellini.
Toolbox_Flamingo tangerine05sm1 sundaycleaning sundaycleaning_2 sunday_warsschirm9 rr011 P1010063SMcarpetChristoph-Niemann-4tucanhorseChristoph-Niemann-Sunday-Sketchesbouqueticecream giraffe051 camera21 avocadoBaseball

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
La brochure di Jaegher in scala uno a uno