Best Magazine Covers.
#07 Luglio 2015

LUGLIO2015_best_covers_magazine_designplayground

Torniamo anche questo mese con le cover dei giornali pubblicati nel mese di luglio che abbiamo ritenuto più suggestive, Una piccola selezione nel vasto panorama editoriale mondiale. Di spicco la rivista tedesca Zeit Magazin che per il numero estivo esce con 4 copertine differenti sotto la direzione artistica di Mirko Borsche e Christoph Amend (redattore capo). Fantastiche. Per chiudere, il focus sul nuovo magazine by Rapha, “Mondial” un nuovo sguardo sul mondo del ciclismo.
best_cover_magazine_luglio_designplayground_01 best_cover_magazine_luglio_designplayground_02 best_cover_magazine_luglio_designplayground_03 best_cover_magazine_luglio_designplayground_04 best_cover_magazine_luglio_designplayground_05 best_cover_magazine_luglio_designplayground_06 best_cover_magazine_luglio_designplayground_07 best_cover_magazine_luglio_designplayground_08 best_cover_magazine_luglio_designplayground_09 best_cover_magazine_luglio_designplayground_010 best_cover_magazine_luglio_designplayground_011 best_cover_magazine_luglio_designplayground_012 best_cover_magazine_luglio_designplayground_013 best_cover_magazine_luglio_designplayground_014 best_cover_magazine_luglio_designplayground_015

_______
New magazine in town!
Mondial, il nuovo magazine di Rapha.

“Qualsiasi appassionato di ciclismo su strada sa che questo sport è molto più che fitness e attrezzi. Per i ciclisti su strada, la bici è al centro della loro identità ed è la lente attraverso cui vedere il mondo. L’ultimo decennio ha visto una grande proliferazione di media che si occupano di ciclismo, sia online che su carta. Rapha, azienda leader nel settore abbigliamento e accessori per il ciclismo, ha ritenuto che fosse tempo di mostrare una rinnovata ambizione per questo sport. Mondial amplia l’idea di ciò che il ciclismo su strada è e ciò che questo sport può rappresentare. Caratterizzato da una scrittura incisiva di approfondimento e uno splendido corredo fotografico, in Mondial troverete argomenti ciclistici tradizionali trattati in modo nuovo e, al tempo stesso, un punto di vista sul ciclismo esteso ad argomenti trasversali e di più ampia portata, accrescendo così le connessioni tra questo sport e la società”.

Editor: Mark MacKenzie
Art Director: Jack Saunders
Design Directors: Alex HuntingBen Brannan
Type Design: Colophon Foundry

Pubblicazione biennale
Dimensioni: 290mm x 200mm
160 pagine

best_cover_magazine_luglio_designplayground_016mundial-rapha-designplayground_05mundial-rapha-designplayground_01mundial-rapha-designplayground_04mundial-rapha-designplayground_03mundial-rapha-designplayground_02Rapha-Mondial-9mundial-rapha-designplayground_06Rapha-Mondial-8mundial-rapha-designplayground_07mundial-rapha-designplayground_08

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Victor collection, Luigi Gorgoni per Roche Bobois