Oggetti in vetro con la stampa 3d

G3DP_glass-designplayground_06

Frutto della collaborazione tra il MIT Glass Lab e il gruppo Mediated Matter presso il MIT Media Lab (Michael Stern / MIT Meche, Shreya Dave / MIT Meche, James Weaver / WYSS Institute Harvard e Peter Houk / Direttore MIT Glass Lab), il G3DP è una piattaforma di produzione progettata per stampare oggetti tridimensionali in vetro trasparente. Una “stampante-forno” capace di dare vita a complessi modelli di vetro fuso.

G3DP_glass-designplayground_04G3DP_glass-designplayground_03

Antico e moderno al tempo stesso, materia invisibile capace di proteggere, il vetro è stato creato in Mesopotamia e nell’Antico Egitto 4500 anni fa. Le “ricette” per la sua produzione, la chimica e le tecniche, spesso rimangono segreti gelosamente custoditi. Il vetro può essere stampato, formato, soffiato, cromato o sinterizzato; le sue qualità formali sono strettamente legate alle tecniche utilizzate per la sua produzione.

Dalla scoperta del processo di formazione delle perle di vetro in Egitto nel II millennio a.C., passando attraverso l’invenzione della canna da soffio di metallo in epoca romana, il moderno processo industriale dell’ingegnere inglese Alastair Pilkington (Vetro float) per la fabbricazione del vetro piano su larga scala, ogni nuova innovazione nella tecnologia del vetro si è verificata in seguito a una lunga sperimentazione e grazie all’ingegno dell’uomo, dando luogo ad un nuovo universo di possibilità per l’impiego di questo materiale.

Come spiega il Prof. Oxman. “G3DP è una piattaforma di produzione additiva progettata per stampare vetro otticamente trasparente, permettendo la predisposizione di raffinatezza in accordo con le variazioni geometriche e ottiche legate alle forma, che possono aumentare o inibire la trasparenza e variare il colore. La limitazione o trasmissione della luce di controllo, il controllo della riflessione e rifrazione, portano implicazioni significative: dalla produzione di facciate per edifici aerodinamici ottimizzati per guadagno solare, a dispositivi di illuminazione di spessore variabile e così via”.

Micron3DP è stata riluttante a rivelare troppo sul suo processo, tranne nel dire che la loro testina può raggiungere i 1640° C. La stampante è suddivisa in due camere, dove una camera superiore riscalda il vetro prima di confluire in una seconda camera che poi lo estrude dalla testina di stampa. La cartuccia funziona a circa 1.900° F e può contenere materiale sufficiente per costruire un singolo componente architettonico. Il materiale fuso viene versato attraverso un ugello di allumina-zirconio silice. (fonte stampa3dstore)

G3DP_glass-designplayground_01    G3DP_glass-designplayground_02G3DP_glass-designplayground_08G3DP_glass-designplayground_07

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Andrew Faris: un mondo ai confini tra l’esistente e l’immaginario