Sliding adrenaline.
Cachetejack Solo Show

Cachetejack sono Nuria Bellver e Raquel Fanjul, illustratori spagnoli con sede “qua e là”.

La loro illustrazione è un universo di colori, energia, umorismo e ironia che prende forma su libri, riviste, giornali, abbigliamento, manifesti e molto altro. In questa gallery il loro progetto “Sliding Adrenaline” per la mostra personale presso la Slow Galerie a Parigi fino al 26 settembre 2015.

SLIDING-Cachetejack-designplayground

L’intrattenimento di cui si usufruisce attraverso gli schermi è il modo più efficace per attirare l’attenzione dei bambini e degli adulti. Negli anni ’60 Marshall McLuhan sosteneva: “abbiamo già permesso alla tecnologia di diventare un’estensione del nostro corpo, il problema inizia quando sostituisce il nostro cervello”.

Stiamo forse inconsciamente cercando di aiutare la nostra creatività a morire? Stiamo via via dimenticando che la noia ha il pregio di aiutarci a trovare spazi mentali di libertà per sviluppare nuove idee e nuovi modi per raggiungere i nostri sogni. Come essere semplicemente felici. Cerchiamo di essere attenti! Questo è un problema grave e globale. Non è uno scherzo!

Potete comprare i vostri poster qui
http://cachetejack.tictail.com

atrapado_antisocialCachetejack-designplayground
bao_colorCachetejack-designplayground
bonappCachetejack-designplayground
dayoff_horizontalCachetejack-designplayground
ET_cachetejackCachetejack-designplayground
Eyes_cachetejackCachetejack-designplayground
feelinglessCachetejack-designplayground
mac-dietCachetejack-designplayground
NETWORKINGcachetejackCachetejack-designplayground
outsidercapaslimpioCachetejack-designplayground
sealcapasCachetejack-designplayground
sillaabstinenciaCachetejack-designplayground
tetrisheadCachetejack-designplayground
wififamilyCachetejack-designplayground
windows-92_LIMPIOCachetejack-designplayground

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Buff Diss. Street art “a nastro”