Mariano Pascual per “36 days of type”

Le illustrazioni di lettere e numeri di Mariano Pascual per il progetto 36 days of type.

36 Days of Type è un progetto che invita designer, illustratori e grafici a contribuire con la loro libera interpretazione di lettere e numeri che compongono il nostro alfabeto.

Per 36 giorni continuativi, i partecipanti sono chiamati a progettare una lettera o un numero al giorno per generare un alfabeto completo, per rappresentare lo stesso segno da molte prospettive diverse. Il tutto attraverso Instagram. Un progetto che si propone di creare uno spazio di progettazione sulla tipografia e le sue infinite possibilità.​​ In attesa della terza edizione la gallery dell’illustratore e graphic designer argentino (ma con sede a Barcellona) Mariano Pascual. (© 2015 all images, mariano pascual)

A_mariano_pascual_designplayground
B_mariano_pascual_designplayground
C_mariano_pascual_designplayground
D_mariano_pascual_designplayground
E_mariano_pascual_designplayground
F_mariano_pascual_designplayground
G_mariano_pascual_designplayground
H_mariano_pascual_designplayground
I_mariano_pascual_designplayground
J_mariano_pascual_designplayground
K_mariano_pascual_designplayground
L_mariano_pascual_designplayground
M_mariano_pascual_designplayground
N_mariano_pascual_designplayground
O_mariano_pascual_designplayground
P_mariano_pascual_designplayground
Q_mariano_pascual_designplayground
R_mariano_pascual_designplayground
S_mariano_pascual_designplayground
T_mariano_pascual_designplayground
U_mariano_pascual_designplayground
V_mariano_pascual_designplayground
W_mariano_pascual_designplayground
X_mariano_pascuall_designplayground
Y_mariano_pascual_designplayground
Z_mariano_pascual_designplayground
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
“We are narcisses”. Bertrand Lanthiez e Chloé Curé