“Emergence Lab”, Thomas Medicus

cube-2 cube-1

“Emergence Lab” è una scultura anamorfica dipinta a mano da Thomas Medicus e is ispira al fenomeno chiamato comportamento emergente.
Quello emergente è il comportamento che si genera quando un gruppo di entità semplici operano insieme in un ambiente dando origine a sistemi più complessi proprio perché derivanti da una collettività e non da singoli soggetti. Gli esseri viventi ad esempio sono il risultato di questo fenomeno, se prendessimo infatti tutte le molecole che costituiscono un organismo in un certo momento e ne modificassimo drasticamente l’organizzazione, esse non costituirebbero più un organismo né l’organismo esisterebbe più.

Secondo questa logica Thomas ha costruito una scultura anamorfica composta da un cubo traslucido (riempito con olio di silicone per conferire l’aspetto di vetro solido) contenente sei immagini dipinte a mano. La sua particolarità è che i sei dipinti sono stati frammentati in 216 strisce di vetro acrilico tagliato a laser, ognuna delle quali contiene una piccola porzione dell’immagine completa e soltanto quando tutte sono allineate e osservate da uno specifico punto di vista, la figura “emerge” nella sua compiutezza.
Questo è possibile perché ogni lato del cubo è occupato da una pittura anamorfica e, poiché ciascuna di esse riempie la stessa e identica superficie della corrispettiva nella facciata opposta, quando l’immagine nel lato che stiamo osservando si compone quella del lato opposto viene completamente oscurata.

Oltre al video che ne esplica il funzionamento, Medicus ha condiviso su Instagram alcune immagini scattate durante il processo di progettazione.

wurfel-5 wurfel-4 wurfel-3 wurfel-2 wurfel-1   closeup 01-figur-aal-raw-900 03-portrait-vogel-raw-900

900-DSC_0331900 900-DSC_0339 900-sketchup-konstruktion-900

Il video

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Handschrift,
José Ernesto Rodriguez