“Bob the Artist” e il potere dell’arte

Il potere dell'arte e dell'essere abbastanza sicuri di se stessi.

“L’uccellino Bob è proprio come tutti i suoi amici, a parte le sue gambe magre. Ma proprio per queste Bob viene preso in giro e decide di cercare di cambiare se stesso per adattarsi. Ma Bob era ben lontano dall’immaginare dove tutti i suoi sforzi lo avrebbero portato… “.

“Bob The Artist” di Marion Deuchars ed edito da Laurence King è un libro illustrato per bimbi e bimbe sopra i 3 anni che racconta, attraverso le disavventure di Bob, il potere dell’arte e dell’essere abbastanza sicuri di se stessi.

Un libro sull’anti-bullismo e, al tempo stesso, una rapida lezione di arte moderna che insegna a grandi e piccoli come la creatività possa essere una potente arma capace di renderci orgogliosi della nostra unicità.

Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_07
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_08
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_11
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_09
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_10
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_02
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_06
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_05
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_04
Bob_the_artist-Marion_Deuchars-designplayground_03

Marion Deuchars è un’illustratrice di fama internazionale. Ha realizzato copertine per Penguin Books, campagne pubblicitarie per Volkswagen, Ford e Formula Uno, illustrazioni per The Guardian, New York Magazine e Jamie Oliver. Marion è l’autrice del libro best sellerLet’s make some great art pubblicato per Laurence King Publishing nel 2011.

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Lo “Stencil” di Milton Glaser