Week Hand ricerca talenti

Aperte le iscrizioni per candidarsi alla terza edizione del Festival del Fatto a Mano di Foligno.

C’è tempo fino al 30 luglio per candidarsi alla selezione che porterà alla scelta dei “talenti” che prenderanno parte alla terza edizione di Week Hand, Festival del Fatto a Mano, in programma a Foligno il 23 e il 24 settembre 2017, a Palazzo Trinci.

Week Hand, come ogni anno, cerca la rarità e la bellezza nelle tecniche artigianali, il talento, l’estro e la creatività di makers, artigiani e designer indipendenti per portarli a Foligno per quello che è un evento unico nel suo genere: un contenitore di idee, talenti, creazioni, sperimentazioni e divertimento, tutto dedicato al mondo dell’handmade.

La manifestazione, dopo il successo della seconda edizione, si è confermata come evento di richiamo del panorama italiano delle autoproduzioni, grazie alla partecipazione di 50 artigiani provenienti da tutta Italia, selezionati tramite il bando che chiuderà il 30 luglio e attraverso workshop e laboratori per grandi e bambini sulle tecniche artigianali tradizionali e innovative con tutor di caratura nazionale e partner dedicati.

Qui il link al bando.

Gli spazi messi a disposizione sono gratuiti e misurano tutti di 1,6 m x 1 m e sono completamenti nudi da allestire. L’organizzazione metterà a disposizione solo la corrente elettrica (tavoli, sedie, eventuali allestimenti, luci e prolunghe sono tutti a carico dell’espositore).

Iscrizione e costo:
I 50 designer/artigiani che saranno selezionati per stile, originalità, presentazione del prodotto e qualità dovranno sostenere la spesa di 110€ relativa al costo di iscrizione all’evento riferita alla comunicazione e promozione del brand selezionato + 5€ di tessera associativa dell’Associazione Make valida per anno 2017.
Chi è già in possesso della tessera valida non dovrà rifarla.

Partecipazione:
Possono partecipare sia artigiani con autocertificazione OPI che aventi PI, basta che tutti siano in regola con le ricevute e ognuno abbia chiaro il proprio inquadramento fiscale.

Le candidature dovranno arrivare entro e non oltre il 30 luglio.
La conferma della propria partecipazione dei selezionati dovrà avvenire entro il 5 agosto ma sarà presa in considerazione solo dopo il relativo pagamento della quota indicata che dovrà avvenire entro massimo il 9 agosto 2017.

(fonte: ufficio stampa)

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Cirstalli edibili, Gabriele Lucchitta