La password sei tu

I nuovi francobolli disegnati da Marco Goran Romano sulle password biometriche.

Abbiamo parlato più volte di numismatica e filatelia e del lavoro dell’Ufficio Filatelico e Numismatico della Repubblica di San Marino (qui un’intervista a Omar Vulpinari Presidente del Comitato Tecnico Artistico, sul francobollo del futuro).

Questa volta torniamo a parlarne per la nuova serie di francobolli disegnati da Marco Goran Romano, sotto l’art direction di Gianni Sinni (Fondatore di LCD, contributor per ilPOST.it, docente universitario e autore, dal 2003 al 2009, di Social Design Zine) coadiuvato per l’appunto da un team di esperti dell’Ufficio Filatelico e Numismatico della Repubblica di San Marino. Il tema di questa emissione sono le password biometriche, quindi scansione dell’iride, delle impronte digitali e riconoscimento vocale come ultima frontiera della sicurezza informatica e non solo.

Il sempre più esteso utilizzo delle password biometriche, ottenute dalla combinazione di dati quali le impronte digitali, la retina dell’occhio e i file vocali, come strumenti di identificazione personale, sta sostituendo le password tradizionali. La serie rappresenta il momento finale del processo di autenticazione dei dati biometrici tramite l’analisi della voce e le scansioni dell’impronta digitale e dell’iride.

I francobolli sono stampati in offset. Il background di ognuno è colorato con un Pantone differente, mentre su tutti ricorre l’uso della lamina a caldo verde per il soggetto centrale e il valore + il Pantone fluorescente 805 per lo stemma.

Data di emissione: 26 settembre 2017
Valori: n.3 valori da € 0,70-1,00-2,20 in fogli da 20 francobolli
Tiratura: 25.000 serie
Stampa: offset, quattro Pantoni, lamina a caldo verde, inchiostro invisibile giallo fluorescente a cura di Cartor Security Printing
Dentellatura: 13¼ x 13¼
Formato francobolli: 35x35mm
Bozzettista: Marco Goran Romano

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Lo zen e l’arte di andare in bicicletta