Al confine tra materia e tecnologia.

Lo studio multidisciplinare Wang & Söderström è conosciuto per le ricerche e le sperimentazioni che attraversano e fondono il confine tra materia e tecnologia. Il loro progetto Excavation è l’esempio perfetto dell’utilizzo che Anny Wang e Tim Söderström fanno delle nuove tecnologie nella raffigurazione dei loro concept innovativi.

Il progetto consiste nell’unione di un vaso realizzato digitalmente e stampato in 3D (in collaborazione con Unique Board) e una base invece frutto della modellazione della pietra che viene levigata e scavata per creare l’incavo idoneo ad ospitare e avvolgere il vaso stampato. La serie si ispira all’archeologia e al modo in cui quest’ultima riesce a rivelare l’attività umana e i comportamenti di un tempo passato attraverso gli aspetti culturali e le forme materiali. Il digitale come incarnazione e rappresentazione della scultura ci ricorda che digitale e fisico non sono due universi separati, ma che in quest’epoca dipendono fortemente l’uno dall’altro e si influenzano reciprocamente.

“Queste sculture trasmettono differenti sfumature di realtà esplorando come l’estetica può influenzare la percezione e come dando forza allo storytelling si può creare un ponte tra naturale e digitale. Excavation porta alla luce i processi digitali con un’impronta umana, mescolando le linee temporali e fondendo virtuale con lo spazio fisico”.

Gli oggetti di questa serie possono essere acquistati qui.

Excavation I

Excavation II

Excavation II, dettaglio

Excavation III

Excavation III, dettaglio

All images © Mishael Phillip