“It’s not dead”.

La depressione vista da Ariel Costa e Rodrigo Miguel per la canzone "Heavy" dei Linkin Park.

“It’s not dead” è un progetto nato come concept per la canzone “Heavy” del gruppo musicale statunitense Linkin Park del regista con base a Los Angeles Ariel Costa,per evolvere poi un progetto con tutt’altro fine sviluppato dallo stesso Costa in collaborazione con l’art director Rodrigo Miguel.

Sono stato contattato dalla Warner Music che mi ha chiesto di rendere visivamente la canzone “Heavy” dei Linkin Park. Sfortunatamente la band ha scelto di perseguire una direzione diversa.

Ogni anno cerco di dedicarmi ad un progetto personale, di provare nuove tecniche e di imparare qualcosa di nuovo. Dato che ero troppo legato alla grafica che avevo creato con il mio amico Rodrigo Miguel, ho deciso di non abbandonare l’idea ma di riciclarla e trasformare questo progetto in una buona causa. Conosco molte persone che soffrono di depressione ed ansia. Non è necessario essere un esperto per rendersi conto che i disturbi dell’ansia e della depressione sono diventati enormi problemi nella nostra società. (Attualmente la depressione è considerata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità la seconda causa di disabilità nel panorama delle malattie fisiche e psicologiche, seconda solo all’infarto ndr.).

Ho deciso così di contattare l’Anxiety and Depression Association of America, per proporgli se volessero condividere il video. Hanno accettato di buon grado.
Fondata nel 1979, l’ADAA è un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro e leader nell’istruzione, formazione e ricerca per ansia, DOC, PTSD, depressione e disturbi correlati.

Il 20 luglio 2017, il giorno in cui ho premuto il pulsante per il rendering finale e ho guardato il lavoro finito per la prima volta, ho saputo che Chester Bennington (il cantante dei Linkin Park) si era suicidato. Come molti altri, Chester era in costante battaglia contro la depressione. Questo pezzo è dedicato a lui e a molti altri.

Ho deciso di creare questo video come invito all’azione. Spero che desterà curiosità a persone che cercano aiuto o che conoscono qualcuno che ne ha bisogno. (Ariel Costa)

“La depressione è una prigione dove siete sia il prigioniero della sofferenza che il carceriere crudele”.
(Anonimo)

Direction, Design and Animation:
ARIEL COSTA (BlinkMyBrain) / NUMECANIQ
Concept and Script:  ARIEL COSTA
Voice Actor:  JIM LAIRD
Sound:  COMBUSTION STUDIO

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Nivea. Quando il prodotto diventa logo