Herb Lubalin: American Graphic Designer 1918-81

La monografia edita da Unit Editions nuovamente disponibile grazie a una campagna Kickstarter.

Pubblicata per la prima volta nel 2012, Herb Lubalin: American Graphic Designer 1918-81 era una monografia in edizione limitata del leggendario tipografo e grafico statunitense.

Il libro andò esaurito nel corso di un anno, ma grazie al successo di una campagna di Kickstarter lanciata nel 2018 (centenario della nascita di Lubalin) per ripubblicare il libro, Unit Editions è in grado di renderlo nuovamente disponibile. La monografia di 448 pagine presenta centinaia di esempi del lavoro di Lubalin (molti mai pubblicati prima) e fotografie inedite del progettista.

Pochi graphic designer incarnano l’estetica del loro tempo completamente come Lubalin. Probabilmente, dalla fine degli anni ’50 alla fine degli anni ’70, il graphic design americano venne rappresentato dal suo lavoro.

Diviso in tre sezioni ognuna inerente i diversi campi del suo lavoro, pubblicità, tipografia ed editoria, presenta un ampio testo biografico di Adrian Shaughnessy che include interviste con George Lois, Seymour Chwast, Alan Peckolick, Carl Fischer, Steven Heller e membri della famiglia Lubalin.
Prodotto in collaborazione con The Herb Lubalin Study Centre di Cooper Union, New York, e con la collaborazione attiva della famiglia Lubalin, questa monografia è diventata il lavoro definitivo su uno dei designer più influenti d’America.

Titolo
Herb Lubalin: American Graphic Designer 1918—1981
Autori
Adrian Shaughnessy
Design
Spin
Dimensioni
217x280mm
Pagine
448
ISBN
978-0-9956664-9-8
Prezzo
£75.00 (inclusa spedizione)
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
The New Yorker Style issue, Simone Massoni