Alfabeti Abitati. Caratteri mobili illustrati

La nuova collana editoriale di Anonima Impressori verrà presentata il 30 marzo

In tutte le nostre Visual Interviews tra le domande che facciamo sempre ce n’è una che prende in prestito una frase tratta dal libro di Bruno Munari, Arte come mestiere (Laterza), che abbiamo scelto perché ci serviva per parlare di immaginazione e di come il mondo reale possa incontrare quello dell’immagine.

L’estratto dice “Leonardo Da Vinci vedeva alberi, paesi, battaglie e tante altre immagini nelle macchie che trovava sui vecchi muri. Shakespeare vedeva draghi e altri animali nelle forme delle nuvole. Bernardone non vede niente altro che nuvole nelle nuvole e macchie nelle macchie.”
Se nuvole e macchie possono rivelare forme, animali o altre immagini perché non potrebbero farlo anche le lettere?
Anche tra le infinite forme dei caratteri si possono celare altrettanti immaginari visivi: perché la b non potrebbe diventare un panda, il punto esclamativo una zebra, l’apostrofo un elefante, la p un pappagallo?

Questi e tanti altri sono i piccoli universi illustrati che prendono vita nella nuova collana editoriale di Anonima Impressori, Alfabeti Abitati. Caratteri mobili illustrati.

Tre saranno le uscite annuali ed ognuna di esse sarà affidata a un illustratore differente, al quale verrà data la possibilità di utilizzare un alfabeto tipografico dell’archivio di Anonima Impressori corredato dello specimen completo di tutte le lettere. Il formato è un poster che però è confezionato come un libro e racchiuso in una sovracoperta, ovviamente entrambi stampati a mano in tipografia e in una tiratura limitata.

Alfabeti Abitati è un progetto appena nato e con lui nasce anche Anonima Impressori Edizioni, una nuova linea editoriale per creare piccole produzioni inedite con lo scopo di diffondere la cultura tipografica.

Il primo numero della collana, dal titolo Juan nella foresta tipografica, verrà presentato in occasione della Bologna Children’s Book Fair (in programma dal 1 al 4 aprile), il 30 marzo dalle ore 18.30 nello spazio espositivo di in via San Carlo 44a a Bologna. Le immagini sono state disegnate e incise a mano su linoleum dall’illustratore Massimo Pastore (uno dei fondatori di Anonima Impressori), mentre il carattere mobile utilizzato è un alfabeto liberty risalente agli inizi del ‘900, recuperato da Anonima Impressori presso la tipografia Mucchi Stem di Modena.

Dal 1 al 6 aprile sarà inoltre visitabile la mostra relativa al progetto sempre presso la sede di Anonima Impressori (orario dalle 15.30 alle 20.00).
Il libro è stato stampato in 300 esemplari numerati in numeri arabi e il prezzo di copertina è di 20 euro.

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Lora Lamm. Grafica a Milano 1953-1963