COCO, the Art of Chocolate

Il connubio perfetto tra arte e cioccolato nel rebranding di FreitagAnderson

“COCO Chocolatier è una rete collaborativa di artigiani e artisti che osano rompere le regole, innovare e ispirare. COCO è dove la creatività e il cacao si scontrano. Non c’è compromesso su stile o sostanza”. Così recita l’home page del sito della piccola squadra di visionari cioccolatieri con sede a Edimburgo che, con le loro barrette di cioccolato, grazie a combinazioni uniche di sapori e all’utilizzo del cacao sudamericano più pregiato al mondo, offrono esperienze gustative straordinarie.

Il progetto grafico per il riposizionamento del brand è stato curato dallo studio Freytag Anderson di base a Glasgow.

Greig Anderson, Daniel Freytag.

“Inizialmente, COCO utilizzava pattern geometrici di stock per avvolgere le sue tavolette di cioccolato. Abbiamo sentito che il rapporto tra arte e cioccolato poteva costituire il punto centrale per caratterizzare il marchio. Da questa idea abbiamo sviluppato la linea “The Art of Chocolate”. raccontano i progettisti Daniel Freytag e Greig Anderson.

“Per rafforzare questo posizionamento, abbiamo creato un linguaggio visivo basato sul concetto di galleria. Ogni prodotto COCO è avvolto in un’opera d’arte appositamente commissionata. Etichette minimali a fondo bianco o fondo nero diventano didascalie alle immagini, incorniciate all’interno dell’opera d’arte. Proprio per questo e per dare ancora più valore al progetto “The Art of Chocolate”, abbiamo ritenuto fondamentale accreditare sul singolo prodotto artisti e opere d’arte. L’etichetta posteriore fornisce ulteriori informazioni sull’artista con un link a una pagina bio dedicata sul sito web di COCO.

Era altrettanto importante sensibilizzare i consumatori sulle credenziali etiche che definiscono il marchio. Lo abbiamo fatto con una serie di pittogrammi progettati per affiancare il logo e l’affermazione del marchio. Il loro semplice linguaggio visivo comunica la qualità e la provenienza del prodotto a colpo d’occhio”.

___

Rachael Hood
Illustratrice e incisore di Edimburgo, Rachael utilizza stampe collagraph per creare texture e tonalità che conferiscono al suo lavoro un’estetica distintiva e artigianale. Rachel trae ispirazione da influenze culturali, geografiche e socio-economiche, esplorando l’impatto della società sullo sviluppo dei tratti caratteriali dell’individuo.

Colombian / Milk
Cold Brew Coffee
Passion Fruit

___

Palefroi
Palefroi è il duo di artisti francesci con base a Berlino Damien Tran e Marion Jdnaoff. Lavorano al crocevia tra stampa, illustrazione, editoria e arti applicate. Ne abbiamo parlato qui.

Orange
Gin & Tonic
Salted Caramel

___

Neasden Control Centre
Stephen Smith è un pluripremiato illustratore e artista grafico. Il suo lavoro è noto per il suo processo multidisciplinare che porta lo stile disegnato a mano all’interno della composizione grafica. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro per bambini “Born Bad” di Cicada Books. Per i dipinti si può visitare stephen–smith.com

Isle of Skye Sea Salt / Dark
Isle of Skye Sea Salt / Dark – retro etichetta
Lavender
Isle of Skye Sea Salt / Milk

___

Mari Campistron
Mari Campistron è un’illustratrice con sede a Glasgow. Il suo lavoro di stampa risograph combina colori, disegni e immagini esistenti per raccontare nuove storie.

Colombian / Dark
Earl Grey Tea
Rhubarb & Ginger

___

François Mangeol
François Mangeol vive e lavora a Parigi. È legato alla concezione umanistica dell’arte e si sforza di rivelare lo straordinario nell’ordinario. Il suo lavoro è una raccolta di mondi intrecciati suggeriti dalla poetica di differenti linguaggi e situazioni.

Gold, Frankincense & Myrrh / Christmas spice

___

William LaChance
Elencato tra i 500 migliori artisti statunitensi nati dal 1966 in poi, William LaChance è un pittore e professore americano di pittura e storia dell’arte nato a St Louis, MO. Le immagini di William LaChance sono associazioni di forme e colori presi dal design grafico, la moda, la storia dell’arte e la natura stessa e accostati usando una varietà di metodi e materiali, dalla pittura alla stampa, dal collage al cucito. Il suo lavoro è stato utilizzato per il packaging del cioccolato da bere di COCO.

Colombian Drinking Chocolate
Gin & Tonic Drinking Chocolate
Salted Caramel Drinking Chocolate
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Nike Lebron 9 Poster, Adam&Co