I video musicali di Ruffmercy

Grezza, ipnotica e avvolgente: l'arte dell'animazione vista da Russ Murphy aka Ruffmercy.

Russ Murphy aka Ruffmercy è un regista e animatore di base a Bristol (Inghilterra) che negli ultimi anni si è affermato nel settore dei video musicali con una serie di progetti per alcuni degli artisti più famosi del mondo della musica underground per arrivare a Thom Yorke. Con il suo stile caratterizzato dal doodling, scarabocchi abbozzati fotogramma per fotogramma, la sua estetica è diventata immediatamente riconoscibile per i fan di questo genere e non solo.

Ross ha studiato animazione e illustrazione all’Università di Leeds, per poi lavorare per MTV nel reparto on-air realizzando sequenze di promo e titoli per i loro spettacoli.

Dopo MTV, nel 1998, ha lavorato con successo come motion designer freelance, lavorando principalmente nella grafica televisiva, fino al 2008 quando ha iniziato a occuparsi sempre più di video musicali che sono diventati la sua principale fonte di guadagno intorno al 2012.

Nel 2011 infatti gli è stato chiesto di realizzare un video musicale, disegnando sopra (letteralmente) alcune riprese, “l’unico modo per farlo era usare un tablet Wacom e Photoshop”, spiega. “Questo è stato un grande punto di svolta per me perché mi sono allontanato dalla perfezione dell’illustrazione vettoriale e ho abbracciato la scioltezza del disegno. I miei quaderni di schizzi e qualsiasi foglio di carta vicino a me fino a quel momento erano comunque ricoperti di scarabocchi ma non li avevo mai veramente utilizzati nel mio lavoro digitale fino a quando non ho preso in mano una penna Wacom e ho iniziato a scarabocchiare sui video. È stato divertente progredire da quel primo lavoro iniziale in quello che è diventato poi il mio linguaggio”.

In una intervista pubblicata su Arty Farty, il suo lavoro è stato accostato a quello di Basquiat. Russ ha spiegato così il suo rapporto con l’artista americano: “direi non intenzionalmente anche se amo il lavoro di Basquiat. Sono cresciuto nel mondo dei graffiti e dell’hip-hop a metà degli anni ’80 e l’immaginario visivo di Basquiat è parte di quella cultura. Sono andato a una sua mostra anni fa e ricordo di essere stato letteralmente spazzato via. È difficile da descrivere ma penso che la somiglianza sia dovuta al fatto che il suo lavoro abbia influenzato così tante persone nell’hip hop e nella cultura dello skate che l’ho assorbito in molti modi diversi senza realmente rendermene conto. Inoltre, da quando i miei figli sono nati, sono rimasto affascinato da come i bambini scelgono di disegnare e per me è come se Basquiat venisse fuori con i suoi disegni.

Osservando il lavoro di Ruffmercy non si può non pensare alla maledizione di un animatore: “le cose richiedono fottutamente secoli”. Un video può richiedere da una settimana fino a cinque o sei settimane; “le etichette musicali si aspettano che il lavoro venga completato entro due settimane, il che è molto difficile per questo genere di animazione disegnata a mano” racconta l’artista.

Russ inizia il suo lavoro a un nuovo video cercando di capire la direzione da seguire in base alle preferenze dei clienti tra i video del suo portfolio. “Poi ascolto la canzone una tonnellata di volte e di solito mi viene un’idea di come dovrebbe apparire il video. Mi piace sperimentare e lasciare spazio agli errori, quindi può succedere di passare qualche giorno a esplorare prima di dedicarmi completamente a un’idea. Raramente inizio con uno storyboard definito. Di solito provo le cose e mi infastidisco. Se mi sto divertendo di solito capisco che vado nella giusta direzione”.

Diversamente dai suoi inizi, ora Ruffmercy dirige spesso i video su cui poi lavorerà in post-produzione. Per l’animazione disegnata a mano, utilizza i livelli video in PSD (Photoshop) per compilare in After Effects e montare infine in FCP7. Un lavoro molto laborioso per un risultato affascinante e straordinario.

PREOCCUPATIONS ‘DISARRAY’ (Official)

Director : RUFFMERCY / ruffmercy.com
D.O.P : Tim Crawley / tctvfilms.com
Producer : Bonnie Anthony for My Accomplice
Runner : Tom Davies


Preoccupations – “Disarray” from > ‘preoccupations.lnk.to/newmaterial

’88

“’88” è una collaborazione attiva tra Ruffmercy con i migliori musicisti sperimentali di Londra – Danalogue, Leafcuter John, Idris Rahman e Sarathy Korwar – una spettacolare animazione a 3 schermi che cattura l’energia inarrestabile della produzione di Basquiat e il suo uso del colore e del testo.

BAYONNE ‘DRASTIC MEASURES’

Animated by: RUFFMERCY

Tratto dall’album “Trust in the Lifeforce of the Deep Mystery” out now! Verve.lnk.to/TrustLifeforce

BAATIN ‘DON’T STOP’ (Offical)

directed by: RUFFMERCY
vocal: Baatin “The Slum Lord”
produced by: Darnell Murphy

HATE TO LOVE LOOP (interlude)

Producer Killer Bee 
Animation RUFFMERCY

Thom Yorke ‘Suspirium’ (Official Video)

Alla fine del 2018 Thom Yorke, frontman dei Radiohead, ha realizzato la colonna sonora del remake di Luca Guadagnino del film horror del 1977 ‘Suspiria’., diretto da Dario Argento. Questo è il primo video dell’album.

Con la coreografia di Trisha Brown, “catturata” dal film del 1978 “Watermotor” di Babette Mangolte

HAND LOOP 03 Lied von der Sehnsucht

Animation: RUFFMERCY ( ruffmercy.com )
Music: HAND
Song: LOOP 03 – Lied von der Sehnsucht

Design Playground è un viaggio nella creatività attraverso i progetti più suggestivi della cultura contemporanea. Un racconto fatto di storie, di idee e di sogni.

Design come “progettazione di un artefatto che si propone di sintetizzare funzionalità ed estetica”.

Siamo partiti proprio da qui, dal termine design. Una parola che, come spesso accade con i termini di cui si abusa, ha perso il suo significato originale. O meglio, siamo noi che lo abbiamo perso di vista. Il design non è lusso, il design è creatività ma soprattutto, ricerca e progetto, è saper ascoltare e capire le necessità. Con le parole di Enzo Mari tratte da 21 modi per piantare un chiodo“Credo che il design abbia significato se comunica conoscenza”.

Quello che ci prefiggiamo è raccontare quel design che comunica appunto la storia e le conoscenze che hanno permesso di arrivare alla sua sintesi. Tutto questo in uno spazio aperto a tutti, un playground, dove sia centrale la voglia di conoscere, approfondire e cercare spunti di riflessione.


Massimo Vignelli ha affermato: «Il design è uno – non sono tanti differenti. La disciplina del design è unica e può essere applicata a molti ambiti differenti». E ancora Ettore Sottsass “il design è un modo per discutere di società, politica, erotismo, cibo e persino di design. Alla fine, è un modo per costruire una possibile utopia figurativa o una metafora della vita”.

Design Playground attraversa i differenti ambiti della progettazione trattandoli come parte di un unicum che li comprende tutti: dalla grafica alla fotografia, dall’illustrazione al video, dall’industrial design all’arte.

Altre storie
Thomas Schostok, {ths} design